Eni, (semi)svolta “green”. Oltre il petrolio: primi impianti nel solare

Eni in Algeria nel solare muove passi concreti verso un mondo più sostenibile. Eni ha annunciato domenica 25 novembre l'inaugurazione in Algeria di un impianto fotovoltaico collegato al giacimento di Bir Rebaa North, al centro del paese non lontano dal confine con la Tunisia. Più che per le dimensioni dell'impianto (10 megawatt installati), pesa l’impegno verso le rinnovabili.

Da un lato, il parco solare fornirà energia per le attività legate all'estrazione di greggio del vicino giacimento e, dall'altro, costituisce la prima operazione della joint venture costituita da Eni assieme alla società di stato algerina Sonatrach.

L'idea della multinazionale - come si legge in una nota - è di replicare lo schema non solo "per installare e gestire impianti per la produzione di energia solare nei siti produttivi di Sonatrach ed Eni, ma anche in altre realtà".

In pratica, la società guidata da Claudio Descalzi - presente in Algeria dal 1981 con 39 concessioni e una produzione di 90mila barili al giorno – tenta così di sfruttare la posizione di prima compagnia internazionale presente nel paese africano per diversificarsi ma in modo un po' più “green”.

Fonte

Articoli correlati

Bouteflika rinuncia alla candidatura e rinvia le elezioni

Algeria, Bouteflika rinuncia alla candidatura e rinvia le elezioni

Strategie & Regole
Combustibili fossili: da questo è urgente svezzarsi

Il Canada deve accelerare gli sforzi per rendere più sostenibili i settori dell'energia e dei trasporti

Energie & Risorse
Geoingegneria solare, soluzione o causa del problema?

Geoingegneria solare, soluzione o causa del problema?

Energie & Risorse

Energia termonucleare, la rivoluzione è più vicina?

La fusione nucleare controllata è un tentativo di imitare le reazioni del Sole per ottenere una fonte energetica rinnovabile ed ecologica. Ma è necessario portare i nuclei degli atomi di idrogeno a fondersi e a formare un atomo di elio. In questa reazione, secondo gli scienziati, si sprigiona una grande quantità di energia. Il problema è che i nuclei atomici per fondersi devono superare la barriera di Coulomb e per fare questo necessitano di energia, dunque di calore. [continua ]

Energie & Risorse

Quella incontenibile fame di oro della Russia

La fame di oro da parte della Russia continua a crescere. Le riserve detenute dalla Banca centrale sono salite a 2149,25 tonnellate. Un’operazione non così complessa per Mosca visto che la Federazione è il primo produttore mondiale del metallo giallo con circa 300 tonnellate l'anno. Soltanto lo scorso anno la Banca centrale ha acquistato 275 tonnellate (pari al 40% della quantità complessiva comprata dalle banche centrali di tutto il mondo nel 2018). [continua ]

Energie & Risorse

quoted business

Algeria, si è dimesso il presidente Bouteflika

Abdelaziz Bouteflika si è dimesso e rinuncia al quinto mandato. Non è chiaro quanto di questa decisione sia stata presa dal presidente in persona o quanto, piuttosto, sia frutto di un accordo del suo entourage. Ma il fatto è comunque avvenuto poco prima che le manifestazioni degenerassero. Le sue dimissioni, tuttavia, potrebbero incidere poco sulla situazione del Paese: arrivano a poche settimane dalla scadenza naturale (28 aprile) e non sciolgono i nodi legati a una difficile transizione. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com