Manovra, accordo raggiunto con Bruxelles

Manovra, accordo raggiunto con Bruxelles

L'intesa tra Ue e Italia (annunciata da fonti del ministero dell'Economia) giunge dopo una difficile giornata trascorsa in attesa di un segnale positivo da Bruxelles. Se tutto sarà confermato, nella riunione di domani (l'ultima prima della pausa natalizia) la Commissione Europea dovrebbe rinunciare ad emettere la temuta raccomandazione nei confronti dell’Italia. 

Stando alle indiscrezioni dei giorni scorsi il deficit dovrebbe scendere al 2,04% dal precedente 2,4 ipotizzato nella prima versione, il debito ridursi per via di maggiori dismissioni immobiliari e la crescita si fermerà all’1% a fronte dell'1,5% inizialmente stimato dal Governo.

Si restringono anche le platee di reddito di cittadinanza e quota 100 per via del rinvio delle misure e del cosiddetto "effetto rinuncia" (ovvero non tutti i potenziali beneficiari ne faranno richiesta).

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com