Manovra: via libera del Senato. Ma nel 2020-21 ci sono nuove clausole da 47 mld

La manovra 2020, dopo le modifiche approvate in Senato, potrebbe salire e toccare i 32 miliardi

Manovra: via libera del Senato. Ma nel 2020-21 ci sono clausole da 47 mld

Ecco la legge di bilancio 2020. A due mesi esatti dal Consiglio dei ministri che la varò, la manovra riceve il primo via libera. Il Senato la approva con 166 sì e 128 no al voto di fiducia.

Dopo settimane turbolente, lo stralcio in extremis di 15 norme e una settantina di correzioni finali.

Il testo deve ora essere approvato dalla Camera blindato, senza più modifiche, per essere approvato a ridosso del Natale.

Salvo imprevisti, la manovra non cambia più: passa senza la legalizzazione della canapa, lo stop all’aumento dell’Iva, un taglio da 3 miliardi delle tasse per i lavoratori, plastic e sugar tax.

La manovra 2020, dopo le modifiche approvate in Senato, potrebbe salire e toccare i 32 miliardi.

Ma c’è anche un nuovo ostacolo da 47 miliardi di aumenti di Iva e accise nel 2021 e nel 2022 che dovranno essere disinnescati.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com