Debiti fiscali, un conto da 1.000 miliardi. Ma lo Stato può recuperarne solo 80

In 20 anni oltre 1000 miliardi di cartelle: incassato solo il 13%. Più difficile il recupero delle grandi somme

Debiti fiscali, un conto da 1.000 miliardi. Ma lo Stato può recuperarne 80

Una montagna di debiti fiscali grande più della metà del nostro Pil e che lo Stato riesce a recuperare solo in minima parte. Ben 954,7 miliardi, cioè il totale delle entrate iscritte a ruolo ma non ancora incassate a fine 2019.

Il dato arriva dal giudizio della Corte dei Conti che cita la stessa Agenzia delle Entrate, evidenziando però che sul totale appena 79,6 miliardi quelli che hanno concreta probabilità di finire nelle casse dello Stato. Per il resto si tratta di importi relativi a soggetti falliti, ditte cessate e contribuenti definiti con ‘anagrafe tributaria negativa’, di fatto nullatenenti. 

Guardando invece con un arco temporale più ampio, supera quota mille miliardi l’ammontare delle cartelle per le iscrizioni a ruolo delle entrate - non solo tributarie - affidate in 20 anni, tra il 2000 e il 2019, agli agenti per la riscossione: ma solo 13,3% degli importi risulta recuperato.

Secondo la Corte poi risulta più difficile il recupero delle grandi somme rispetto agli importi minori. In particolare il recupero coattivo di imposte risulta meno efficace per i grandi contribuenti e per le 'iscrizioni a ruolo' sopra i 100 mila euro l'incasso medio si ferma al 2,7%.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com