Arriva la manovra dell’era Covid

Vale 38 miliardi: 4 sul fisco e 8,5 alla famiglia

Arriva la manovra dell’era Covid

La maxi-manovra per il 2021, che il governo si prepara a inviare alle Camera, arriva a 37,9 miliardi. Tra le voci principali il rinnovo della Cig per oltre 5 mld e il nuovo fondo anti-Covid da 4 mld. Pesa in termini finanziari anche una delle novità che arriveranno nel 2021, ovvero l’introduzione dell’assegno unico per circa 3 mld.

Il primo intervento indicato nella bozza è dedicato al fondo per la riforma fiscale cui vengono destinati 2,5 miliardi nel 2022 e 1,5 miliardi a partire dal 2023. Nel testo trovano posto alcuni interventi che riguardano il lavoro, come lo stop ai contributi per tre anni per le assunzioni di giovani fino a 35 anni (entro 6 mila euro) o per 4 anni in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, puglia, Calabria e Sardegna.

Sul fronte bancario, gli utili percepiti dagli enti non commerciali senza scopo di lucro - le Fondazioni - che esercitano attività di interesse generale “non concorrono alla formazione del reddito imponibile nella misura del 50% a decorrere dall’esercizio in corso al 1° gennaio 2021”. Nei mesi scorsi dal mondo bancario erano giunte numerose richieste di una riduzione della fiscalità sulle fondazioni bancarie, che derivano gran parte dei propri introiti dai dividendi delle proprie partecipazioni azionarie nel capitale delle banche.

(nel link allegato tutti gli interventi previsti)

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com