40 anni dal terremoto in Irpinia, una ricostruzione infinita

50.000 miliardi di lire furono erogati dallo Stato ma la prospettiva di un nuovo sviluppo industriale è rimasta per gran parte inattuata

40 anni dal terremoto in Irpinia, una ricostruzione infinita
Gli effetti del terremoto in Irpinia (1980)

Una tragedia umana enorme segnata da quasi 3 mila morti, più di 8 mila feriti e 300 mila senzatetto: sono passati 40 anni da quel terremoto di magnitudo 6.9 che alle 19.34 del 23 novembre 1980 colpì la Campania e la Basilicata, lasciandole profondamente lacerate.

Oggi in quei territori la ricostruzione è quasi completata, ma la ricorrenza del 40° anniversario restituisce ricordi drammatici. Vite segnate dapprima nelle tende e nei vagoni ferroviari, poi nelle roulotte, quindi nei container, fino a quando un prefabbricato sembrò un’abitazione vera.

E, poi, le ruberie, scolpite in decine di inchieste giudiziarie, che hanno allungato le mani sulle ingentissime risorse stanziate dallo Stato - oltre 50 mila miliardi di lire - ridimensionando ai minimi termini, in particolare, il futuro di sviluppo industriale che era stato disegnato per quelle aree.

In quella drammatica emergenza, infatti, fu approvata la legge 219 (maggio 1981) per la ricostruzione delle case nei complessivi 506 comuni danneggiati delle province di Avellino, Benevento, Caserta, Matera, Foggia, Napoli, Potenza e Salerno, ma anche per lo sviluppo industriale di quelle aree.

L’opera di recupero del patrimonio edilizio, sia pure tra ritardi e con tempi diversi da provincia a provincia, è stata quasi ultimata, mentre la prospettiva di un nuovo sviluppo industriale è rimasta per gran parte inattuata. Molte imprese sono state dichiarate fallite qualche tempo dopo aver percepito i contributi pubblici.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com