Orfini e Fratoianni propongono la ‘patrimoniale’. Ma arriva un diluvio di critiche

Faraone (Italia viva): “Contrari ora come in passato”. Di Maio: “Via le piccole tasse, no a quella sui patrimoni”. E anche il Pd prende le distanze

Orfini e Fratoianni propongono la ‘patrimoniale’. Ma ...

L’emendamento alla manovra per introdurre una tassa sui patrimoni firmato da alcuni deputati del Pd (Matteo Orfini, Chiara Gribaudo, Giuditta Pini, Fausto Raciti e Luca Rizzo Nervo) e di Leu (Nicola Fratoianni, Rossella Muroni, Erasmo Palazzotto e Luca Pastorino) scatena reazioni eterogenee.

E, sebbene Matteo Orfini inviti il suo partito a discuterne, è lo stesso Pd a prendere le distanze dalla proposta. Contro la patrimoniale insorge anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Sarebbe folle in un momento di crisi come questo introdurre qualsiasi tipo di patrimoniale”. Sulla stessa posizione pure Italia Viva, con il capogruppo al Senato Davide Faraone che chiarisce: “Siamo sempre stati contrari ad ogni aumento di tasse e siamo sempre stati contrari alla patrimoniale: lo siamo ancora di più in questa fase difficile per la nostra economia”.

Tra i pochi a sinistra a difendere l’iniziativa di Orfini e degli altri proponenti c’è l’ex governatore della Toscana Enrico Rossi: “Se si facesse una vera anagrafe patrimoniale - di cui sento parlare da almeno 40 anni a questa parte - il gettito potrebbe aumentare molto, oltre che rendere più giusta e progressiva la tassa”.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com