Ocse: “Aumentare la fiscalità sul reddito di capitale e ridurre quella sul reddito di lavoro”

Pascal Saint-Amans, direttore del centro di politica fiscale dell’Ocse in audizione davanti alle commissioni finanze di Camera e Senato: “Il cuneo fiscale in Italia è troppo alto”

Ocse: “Ridurre la fiscalità sul reddito di lavoro”

“L'Italia dovrebbe ridurre il cuneo fiscale proprio per migliorare i livelli di occupazione”. Lo ha detto Pascal Saint-Amans, direttore del centro di politica fiscale dell’Ocse, in audizione davanti alle commissioni finanze di Camera e Senato, sottolineando che “il cuneo, ovvero la differenza tra ciò che il lavoratore percepisce dopo la tassazione e ciò che il lavoratore costa al datore di lavoro, in Italia è molto significativo”.

Inoltre, “aumentare la fiscalità sul reddito di capitale, evitando la differenza troppo grande sulla fiscalità del reddito da lavoro, è qualcosa che può essere soppesato e comincia a essere considerato in gran parte dei Paesi - ha aggiunto -. Il lavoro si ritrova a essere più tassato rispetto al capitale e i redditi da capitale sono oggetto di sistemi impositivi diversi, il che incide sull’allocazione del capitale, tra azioni, obbligazioni e proprietà immobiliari. Qui abbiamo una debolezza del sistema, che si ritrova anche in altri Paesi, ma oggi può essere oggetto di una revisione.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com