Italia, deficit 2021 all’11,8%. Tornerà sotto il 3% nel 2025

Approvato dal CdM il Documento di Economia e Finanza: scostamento da 40 miliardi e previsto per il 2021 un Pil al +4,5%

Deficit 2021 all’11,8%. Tornerà sotto il 3% nel 2025

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Def, il Documento di Economia e Finanza, e il nuovo scostamento di bilancio.

Nel testo si stima per il 2021 una crescita del 4,5%. Il dato si riferisce al quadro programmatico, cioè le previsioni effettuate contando le misure economiche che il governo si prepara a varare quest’anno. Nel cosiddetto quadro tendenziale invece, cioè a politiche invariate, il Def stima una crescita del 4,1%. Il rapporto deficit-Pil schizza al 11,8%.

L’esecutivo ha deciso uno scostamento da 40 miliardi, cioè l’extra deficit previsto rispetto a quanto già autorizzato dal Parlamento e una linea di finanziamento complementare al Recovery Plan da circa 30 miliardi per dare una spinta aggiuntiva all’economia e riuscire a riportare il deficit sotto il 3% nel 2025.

Dall’inizio di quest’anno è stata già autorizzata una prima tranche di extradeficit da 32 miliardi, che si è tradotta nel decreto Sostegni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com