Proposta in Italia web tax al 6% dei ricavi. Cresce il consenso nell’UE contro l’evasione fiscale?

Proposta in Italia web tax al 6% dei ricavi

I big del web, tra gli altri Google, Facebook, Amazon, dovranno pagare le tasse nei paesi dove i profitti sono realizzati. Quantomeno nell’UE. Sembra, infatti, crescere il consenso verso l’introduzione della “web tax” in Europa.

Poi è arrivato lo scandalo “Paradise Papers” che ha fatto emergere una rete internazionale di evasione fiscale e che ha rafforzato la necessità di introdurre una nuova normativa in tema di politica fiscale.

I Governi hanno recepito e capito di poter trasformare in voti elettorali un'eventuale stretta fiscale nei confronti dei giganti della Silicon Valley. Per questo motivo i tempi ora sono maturi.

L’Italia ha fatto un passo concreto in questo senso proponendo una “web tax” al 6%. L’idea è contenuta in un emendamento alla Finanziaria del presidente della Commissione Industria, Massimo Mucchetti. La proposta viaggia su due strade: da una parte, prevede una modifica dei criteri che definiscono la “stabile organizzazione” e, dall'altra, introduce un'imposta forfettaria del 6% dei ricavi sulle transazioni digitali.

Ad ogni modo il dato emergente è un altro. La “web tax” potrebbe a sua volta fornire terreno fertile allo sviluppo dell’idea di porre un freno alla pratica messa in atto dalle multinazionali, ovvero di trasferire i profitti in paesi diversi da quelli di produzione del bene e/o servizio sfruttando la localizzazione delle sede legale del marchio.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Global minimun tax, accordo al G20: aliquota del 15% per le multinazionali

Global minimun tax, accordo al G20: aliquota del 15% per le multinazionali

Finanza pubblica

Web tax, svolta degli Usa. Ma è un primo passo (tardivo)

Gli Stati Uniti spianano la strada all’accordo globale sulla digital tax. L’annuncio del segretario statunitense al Tesoro durante il G20 finanziario apre la strada per l’adozione di una proposta sulla tassazione digitale da parte dell’Ocse entro giugno. Il ministro dell’Economia Daniele Franco: “L’idea è di muovere verso una soluzione globale, ma non sarà facilissima da raggiungere”. In ritardo di venti anni i grandi del mondo provano a rispondere alla sfida della globalizzazione e della digitalizzazione dell’economia. [continua ]

Finanza pubblica
Web tax, l’Ocse avverte: accordo o rischi sul Pil mondiale
quoted business

Web tax, l’Ocse avverte: accordo o rischi sul Pil mondiale

Finanza pubblica
quoted business

L’Opec+ trova l’intesa. Tuttavia l’economia resta nelle mani di poche multinazionali

L’accordo raggiunto in seno all’organizzazione per aumentare la produzione di greggio arresterà la crescita dell’inflazione. L’economia globale è tuttavia ancora anacronisticamente fondata sull’energia fossile e sul potere debordante di un manipolo di multinazionali, ormai troppo grandi persino per i governi dei principali paesi al mondo. [continua ]

Energie & Risorse
L’imposta al 15% sulle multinazionali? Piketty: “Pura follia”

L’imposta al 15% sulle multinazionali? Piketty: “Pura follia”

Economia
Frase del giorno - Numeri

Le obbligazioni con rendimenti sottozero l’anno scorso valevano 18mila miliardi di dollari. In pochi mesi il controvalore è sceso a 2.700 mld.

Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com