Il contagio turco

Lo scontro Washington-Ankara spaventa le banche europee che sono esposte con la Turchia per oltre 100 miliardi di euro. Un default del paese potrebbe innescare una crisi finanziaria in Europa

Il contagio
Istanbul

Un fantasma s'aggira per l'Europa. È il debito turco. Ankara intanto non desiste dal suo intendimento di acquistare il sistema d'arma russo e rilancia anzi con l'intenzione di acquistare aerei di quinta generazione russi o cinesi. Di fatto instaurando una situazione di “no fly zone” per le aeronautiche formalmente alleate della Nato. L'arrivo dei sistemi d'arma in suolo turco è ormai previsto per la fine del prossimo mese.

Una rappresaglia Usa al momento non c’è stata. Ma nel frattempo l'agenzia di rating statunitense Moody's ha declassato a livello B1 (“junk”, spazzatura; alla pari di Giordania, Grecia e Uzbekistan) il debito turco: peraltro si rileva anche il mantenimento dell'outlook negativo. Dunque a breve non possono essere esclusi ulteriori downgrading che porterebbero il debito turco addirittura alla categoria C e dunque ad altissimo rischio default.

Ecco allora che lo scontro Washington-Ankara spaventa anche le banche europee che sono esposte con la Turchia complessivamente per oltre 100 miliardi di euro. Un default del paese potrebbe innescare una crisi finanziaria nell’Ue.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com