Verso il rinvio della procedura di infrazione a settembre?

L'assestamento di bilancio recepirà anche i maggiori dividendi di Bankitalia. Insieme alle risorse giunte da Cdp e agli incassi dalla fatturazione elettronica si dovrebbe arrivare a 3-4 mld. Potrebbe bastare per rinviare la procedura a dopo l’estate

Verso il rinvio della procedura di infrazione a settembre?

Ci sarà anche parte dei dividendi di Bankitalia nel pacchetto dell’assestamento di bilancio che sarà approvato nei prossimi giorni dal governo. Obiettivo: non aumentare le tasse e senza tagliare la spesa, ma limitarsi a contabilizzare quello che si trova qua e là tra i conti dello Stato.

L’operazione potrebbe consentire a Conte e Tria di rinviare a settembre la procedura d’infrazione quando l’esecutivo gialloverde dovrebbe essere in grado di presentare cifre esatte su quanto è “avanzato” da reddito di cittadinanza e quota 100.

Per ora l’assestamento di bilancio potrà far conto sui 2 miliardi prelevati da Cassa Depositi e Prestiti e su parte del dividendo della Banca d’Italia superiore al previsto. Oltre a questo ci sono i maggiori incassi della fatturazione elettronica. Nel complesso si dovrebbe arrivare a 3-4 miliardi.

A ciò occorre poi aggiungere la quota non utilizzata delle risorse destinate a reddito di cittadinanza e quota 100.  

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com