Johnson contraddice se stesso e il suo partito: “Pronto ad aumentare le tasse”

Il piano del premier britannico, ribattezzato da alcuni ossrvatori ‘il paziente inglese che balla da solo’, è aumentare i contributi per finanziare il sistema sanitario nazionale e l’assistenza sociale ma trova una forte opposizione da parte dei Tories

Johnson contraddice il suo partito: “Pronto ad aumentare le tasse”

Boris Johnson prepara una piccola, e soprattutto inaspettata da parte di un conservatore, rivoluzione fiscale. Il progetto prevede l’aumento di oltre un punto percentuale dei contributi sul lavoro per finanziare l’Nhs, il sistema sanitario nazionale le cui casse languono, e l’assistenza sociale, ma anche un ritocco al sistema previdenziale (anche questo in difficoltà).

Ma non sarà facile per il premier britannico far approvare la sua idea, fortemente osteggiato dal partito conservatore, i Tories, storicamente contrari a qualunque incremento della tassazione. Dowing Street si accinge inoltre a erogare un finanziamento extra (pari 5,5 miliardi di sterline secondo The Guardian) a favore dell’Nhs.

Molti critici ritengono che l’aumento della contribuzione andrebbe a gravare soprattutto sui lavoratori più giovani e meno pagati. Altri invocano il sistema scozzese, che prevede il finanziamento della sanità principalmente pagata dallo Stato.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com