Covid-19: un anziano colpito a gennaio in una clinica di Piacenza. Il “paziente 1” prima di Mattia

A svelarlo è un’inchiesta di Report

Covid-19: un anziano colpito a gennaio. Il “paziente 1” prima di Mattia

Prima di Mattia. E non a Codogno. Il paziente 1 potrebbe essere un anziano ammalatosi di Covid-19 a gennaio, ricoverato in una clinica privata di Piacenza.

Lo racconta un’infermiera della struttura del Gruppo Sanna, dove adesso sono in malattia 150 operatori su 250. Alcuni di loro si sono ammalati poco prima che a Codogno venisse diagnosticato il primo caso ufficiale di coronavirus.

Quell’anziano, poi deceduto e solo dopo risultato positivo, potrebbe essere il paziente numero 1, secondo un’inchiesta di Report.

Uno dei medici della clinica mostra i primi sintomi lo stesso giorno della diagnosi di Codogno. Si tratta di un chirurgo che ha operato fino al 12 febbraio. Viene contagiato ma lo scopre dieci giorni dopo a Tenerife.

E in un’altra clinica del Gruppo, la Sant’Antonino, il 17 febbraio un altro anziano viene portato via dal 118 e poi risulta positivo. Ma nessuno lancia l’allarme nonostante nella zona, già da fine dicembre, fosse stato registrato un anomalo incremento di polmoniti. 

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com