Alimenti scaduti o avariati? Non è più un reato penale venderli

Abrogato l’articolo della legge 26 marzo del 1962. Il reato era punito anche con l’arresto. Ora diventa un illecito amministrativo: scatterà solo una multa fino a 3 mila euro

Alimenti scaduti o avariati? Non è più un reato penale venderli

Locali e ristoranti che vendono cibi avariati, scaduti, alterati o in cattivo stato di conservazione. Tutto ciò, fino a oggi, era punito con la denuncia, l’arresto, un’ammenda fino a 60 mila euro. Dal 26 marzo la legge del 1962 che tutelava gli alimenti cadrà. Niente più denuncia penale, ma solo una multa da massimo 3 mila euro.

Un colpo basso alla sicurezza alimentare causato dall’entrata in vigore di un decreto legislativo, il numero 27 del 2 febbraio 2021, pubblicato in Gazzetta ufficiale l’11 marzo. Decreto che adegua la normativa nazionale a un regolamento dell’Ue che prevede soltanto controlli ufficiali lungo la filiera agroalimentare. Per 60 anni quella legge ha svolto una funzione importante di tutela preventiva. Ora, invece, con una soluzione sorprendente, viene cancellata.

La norma era applicata, per esempio, nei casi in cui le ispezioni nei negozi o nei ristoranti portavano alla luce prodotti con parassiti o in pessimo stato di conservazione. Si potrebbe rimediare con un decreto legge correttivo; da emanare, però, subito, prima che il nuovo provvedimento diverrà operativo. Il governo lo farà?

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com