Il Giappone (con ‘appena’ 3.100 decessi per Covid) chiude le frontiere

A partire dal 28 dicembre fino a fine gennaio nessuno potrà entrare nella terza economia al mondo

Il Paese (con ‘appena’ 3.100 decessi per Covid) chiude le frontiere

Il Giappone non consentirà l’ingresso nel paese agli stranieri a partire da oggi (28 dicembre) per contrastare la diffusione del Covid-19. Il provvedimento sarà in vigore fino alla fine di gennaio. Con questa ultima decisione le autorità nipponiche dimostrano di aver compreso il virus meglio di molti altri paesi. Ciò ha contribuito a mantenere l’epidemia in Giappone relativamente modesta. 

In totale 3.100 persone sono morte a causa del coronavirus nella terza economia al mondo che conta 127 milioni di abitanti. In Cina (con una popolazione di 1,43 miliardi di persone) i decessi hanno raggiunto la quota di 4.771. Sorprendentemente, il Giappone ha ottenuto questo ‘successo’ senza rigidi blocchi o test di massa - le armi principali nella battaglia contro il Covid-19 utilizzate dalla maggior parte degli Stati.

“Fin dall’inizio non abbiamo mirato al contenimento”, spiega Oshitani Hitoshi, un virologo che fa parte di un gruppo di esperti che consiglia il governo. In effetti, il Giappone esegue il minor numero di test tra i paesi del G7: una media di 270 al giorno per ogni milione di persone, rispetto ai circa 4.000 negli Stati Uniti e Regno Unito.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com