Inflazione, beni energetici: +18,9%

Nell’area Ocse i prezzi al consumo sono saliti a settembre del 4,6% su base annua

Inflazione, beni energetici: +18,9%

L’inflazione media nell’area Ocse ha continuato la sua corsa anche a settembre, raggiungendo il 4,6% su base annua, dal 4,3% di agosto e a fronte dell’1,3% del settembre 2020. Lo ha reso noto l’Ocse sulla base di dati standardizzati e relativi ai 38 Paesi industrializzati che compongono l’area.

Nell’Eurozona il livello dei prezzi al consumo ha segnato un marcato aumento, passando al 3,4% dal 3% di agosto e dal -0,3% del settembre 2020, ma è rimasta al di sotto della media Ocse e in particolare rispetto agli Stati Uniti, dove l’inflazione annuale è salita al 5,4% dal 5,3%.

Nell’insieme, su base annua, i prezzi dell’energia sono aumentati del 18,9% nell’area Ocse, quasi un punto percentuale in più rispetto ad agosto e al tasso più elevato dal settembre 2008. In netta accelerazione anche la dinamica dei prezzi alimentari, con un’inflazione al 4,5% dal 3,5% di agosto. Escludendo energia e alimenti, l’inflazione dell’Ocse è salita al 3,2% a settembre, il livello più alto dall’aprile 2002, dopo tre mesi di stabilità al 3,1%.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com