Stretta tra tassi di interesse e inflazione l'economia turca rischia il collasso

Il paese si avvicina alle prossime elezioni anticipate del 24 giugno in condizioni sociali ed economiche difficili. Eppure lo scorso anno il Pil è cresciuto del 7,4%

L'economia rischia il collasso stretta tra inflazione e tassi di interesse
Istanbul

Mentre la Turchia si avvia verso le elezioni anticipate del 24 giugno, sta affrontando un crollo della sua valuta che minaccia di far precipitare il paese in una crisi economica.

Tonfo della valuta

Dall'inizio dell'anno la lira turca ha perso circa il 20% nei confronti del dollaro USA, nonostante la leggera ripresa della scorsa settimana dopo il rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca centrale.

Verso un altro rialzo dei tassi

Il paese è pronto ad aumentare ulteriormente i tassi – che ora sono al 16.5% - se l'inflazione dovesse ulteriormente accelerare. I dati sull’andamento dei prezzi al consumo saranno resi noti il 4 giugno, ma i mercati si attendono un’ulteriore impennata. In tal caso l'incremento dei tassi nel tentativo di rallentare l'inflazione sarebbe scontato, anche se potrebbe rivelarsi un intervento insufficiente e tardivo.

Erdogan e la politica monetaria

Sale, intanto, la tensione tra gli investitori. La lira si è indebolita del 4% da quando Erdogan ha dichiarato in una recente intervista televisiva concessa a Bloomberg che intende stringere la presa sull'economia e assumersi maggiori responsabilità in tema di politica monetaria, qualora riuscisse a vincere – cosa piuttosto ovvia - le prossime elezioni. E il presidente della Turchia può sempre sostenere di esser riuscito a far crescere il suo paese al ritmo del 7,4% nel 2017.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com