Terzo utile trimestrale in 15 anni. Tesla a una svolta?

Terzo utile trimestrale in 15 anni. Tesla a una svolta?

Tesla ha riportato un utile trimestrale per la terza volta nei suoi 15 anni di storia. Il costruttore di auto elettriche ha registrato il record di 311,5 milioni di dollari nei tre mesi fino al 30 settembre, in seguito all'accelerazione nel numero delle auto consegnate.

Il risultato è una vittoria per l'amministratore delegato Elon Musk, che aveva promesso agli investitori all'inizio di quest'anno di raggiungere un risultato di bilancio positivo.

Tesla, che non ha mai registrato un utile su base annuale, era entrata in difficoltà dopo aver incrementato i costi per il lancio del Modello 3, la nuova vettura destinata a un mercato più ampio. Ma, in seguito a un'ondata di ordini rilevati lo scorso anno, ha faticato a soddisfare gli obiettivi di produzione e a consegnare le auto ai clienti. Tuttavia, meno di un quinto delle circa 455 mila prenotazioni effettuate nel 2017 sono state annullate. Ma da allora sono cominciati a sorgere seri interrogativi sulla capacità di tenuta economico-finanziaria dell’azienda

Poi, la svolta. La produzione è aumentata. Tesla ha realizzato più di 80 mila veicoli nel terzo trimestre, di cui oltre il 60% erano Model 3. Le entrate sono salite a 6,8 miliardi nel trimestre, più del doppio di un anno fa. Anche i licenziamenti e altre riduzioni dei costi hanno contribuito a far lievitare l'utile.

La domanda ora è: riuscirà Tesla a mantenere questo trend? Il dato certo è che le ordinazioni stanno sensibilmente aumentando in Europa e in Cina (dove si inizierà a vendere il Model 3 l'anno prossimo), aprendo nuovi scenari per l'azienda fondata Elon Musk.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com