Nuovo scontro con i social. Trump minaccia di abrogare la 230. Ha ragione?

Facebook e Twitter. I due social decidono di oscurare un post in cui il presidente Usa mette a paragone l’influenza stagionale in arrivo con l’epidemia da coronavirus, invitando gli statunitensi a imparare a conviverci. Il motivo? Quel post contiene informazioni scorrette potenzialmente pericolose, spiegano le piattaforme.

Nuovo scontro con i social. Trump minaccia di abrogare la 230. Ha ragione?

Una decisione che ha scatenato l’ira di Trump che in un secondo post ha minacciato nuovamente di abrogare la ‘Sezione 230’, una clausola del Communications Decency Act inserita nel 1996 che permette ai social di non essere ritenuti responsabili davanti alla legge dei contenuti online pubblicati dai loro utenti.

Cancellare la ‘230’ è da molti considerata l’arma più potente che la Casa Bianca può scagliare contro i social: renderebbe loro la vita molto difficile e intaserebbe gli uffici legali delle piattaforme di cause da parte di persone che si ritengono offese dai post di altre persone.

Per gli oltranzisti della libertà di parola, Facebook, Twitter o Google non possono essere responsabili di nulla. Per i critici, invece, la legge ha concesso alle piattaforme uno scudo normativo che ha permesso loro di ignorare i rischi legati ai contenuti nocivi, false informazioni e diffamazioni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com