Più di 140 mila prenotazioni in un we per il pickup Tesla

Più di 140 mila prenotazioni in un we per il pickup Tesla

In meno di un weekend il Cybertruck di Tesla ha già fatto boom. Nella mattinata di domenica 24 novembre il produttore di auto ha già ricevuto 146.000 ordini per il nuovo pikup, presentato in grande stile lo scorso venerdì.

Un successo clamoroso, piuttosto inaspettato anche a causa della figuraccia rimediata durante la presentazione, quando il vetro blindato è andato in mille pezzi sul palco ("Almeno la pietra non è entrata in macchina" ha scherzato Musk). Ma c’è tempo per riparare, considerando il fatto che per il Cybertruck le prime consegne sono previste solo per il 2022.

L’anticipo da versare per ordinare un Cybertruck è modesto (100 dollari), ma hanno comunque portato nelle casse della Tesla 14,6 milioni di dollari.

Chi ha ordinato un Cybertruck lo ha scelto nel 42% dei casi con il doppio motore, nel 41% con il triplo propulsore e nel 17% con motore singolo, a testimonianza che la Tesla venderà la maggior parte dei suoi pickup ad un prezzo ben superiore a quello - di 39 mila dollari - del modello base.

A far volare gli ordini sono state di sicuro alcune caratteristiche mai viste prima: il design da supercar, l'aspetto da mezzo militare e prestazioni notevoli. Il tutto con un’autonomia di 680 km e un vano di carico da più di 2800 litri.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com