Tesla non si ferma più: il titolo vola

Da inizio anno il titolo della casa automobilistica fondata da Elon Musk ha messo a segno un rialzo dell’86%. E potrebbe raggiungere il valore di 7000 dollari ad azione entro il 2024

Tesla non si ferma più: il titolo vola

Non si ferma la corsa di Tesla a Wall Street. Il titolo della casa automobilistica di Elon Musk lunedì ha messo a segno un rialzo di quasi 20 punti in una sola seduta chiudendo a quota 780 dollari. Martedì la storia si è ripetuta arrivando a toccare i 900 dollari.

La spinta è arrivata dal giudizio degli analisti di Ark, che hanno previsto che le quotazioni del colosso delle auto elettriche potranno toccare quota 7.000 dollari ad azione nel 2024. E secondo uno degli azionisti di Tesla, l’ad di Baron Capital Ron Baron, il gruppo potrebbe raggiungere i 1.000 miliardi di dollari di ricavi entro dieci anni.

La scorsa settimana la società ha diffuso i dati relativi all’ultimo trimestre del 2019 con ricavi e utili sopra le attese e centrando i propri obiettivi sulle consegne, tradizionale tallone di Achille in passato, complici anche i target spesso troppo ambiziosi fissati da Musk.

Due settimane fa invece ha sfondato per la prima volta i 100 mld di capitalizzazione, diventando il secondo più grosso gruppo automobilistico in Borsa dopo Toyota.

L’accelerata del titolo della società di Musk è rilevante se si guarda il solo 2020. Dall’inizio dell’anno le quotazioni sono cresciute dell’86%, a fronte di un rialzo del Nasdaq, l’indice tecnologico di riferimento, del 3,35%.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com