Elon Musk: per il 15 settembre la batteria da 1 mln di miglia

L’inarrestabile escalation di Tesla, prima azienda automobilistica per capitalizzazione

Musk: per il 15 settembre la batteria da 1 mln di miglia

È il mese di giugno del 2010. Un’azione vale 17 dollari. Parliamo di Tesla, l’azienda californiana di auto elettriche, creata nel 2003, che ha impiegato 5 anni per produrre il suo primo modello e 7 per quotarsi a Wall Street.

Il primo luglio scorso, il valore è salito a 1.119,63 dollari – oltre il 4.000% di crescita – portando la capitalizzazione a 209 miliardi, e superando persino la prima della classe a livello mondiale (Toyota).

E il titolo continua a correre: il 22 luglio scorso, alla seconda trimestrale dell’anno in utile (e quarta di seguito) nonostante gli effetti della pandemia, l’azione Tesla è schizzata a 1.650 dollari per 300 mld di capitalizzazione.

Toyota vende in un anno 10,5 milioni di veicoli, Tesla neanche 400 mila. Quello che impressiona gli investitori è il ritmo di crescita dell’azienda statunitense e il fatto di operare in un settore (l’elettrico) ad alto potenziale di sviluppo.

E non è finita qui. Il manager, 49 anni di cui 17 da ceo di Tesla, ha annunciato che il prossimo 15 settembre dovrebbe presentare agli investitori una nuova batteria da “un milione di miglia”, l’accumulatore per auto elettriche più longevo della storia. 

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com