Il numero uno di Toyota attacca l’auto elettrica: “Inquinante e troppo cara”

Akio Toyoda: “Più vetture di questo tipo costruiremo e più si emetterà anidride carbonica”. In Giappone gran parte dell’elettricità deriva da centrali a carbone e a gas

Toyota attacca l’auto elettrica: “Inquinante e troppo cara”

Troppa enfasi sull’auto elettrica e non ha senso imporre frettolosamente il bando delle vetture con motore a scoppio rischia di spingere “al collasso” l’industria automobilistica. È l’analisi firmata da Akio Toyoda, presidente del colosso giapponese Toyota.

Le dichiarazioni sono arrivate dopo che a inizio dicembre sui media giapponesi erano circolate indiscrezioni relative al fatto che il governo sta valutando il divieto di vendere auto alimentate solo a benzina a partire dal 2035, lasciando invece liberamente in commercio quelle ibride.

Nella sua presa di posizione Toyoda ha spiegato che in estate, quando i consumi raggiungono il picco, se l’intero parco di auto in circolazione fosse elettrico il Giappone resterebbe al buio e che potenziare la rete per renderla capace di sostenere i consumi potenziali richiede investimenti fra 135 e 358 miliardi di dollari. In Giappone, infatti, gran parte dell’elettricità deriva da centrali a carbone e a gas: “Più auto elettriche costruiamo, più anidride carbonica produciamo”.

Toyoda ha evocato anche il fatto che la stretta verde renderebbe l’auto un bene troppo costoso (almeno per un po’ di anni) per le famiglie medie.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com