Fmi, corsa a 4 per sostituire Lagarde. E nessun italiano

I nomi sul tavolo: l'olandese Jeroen Dijsselbloem, il finlandese Olli Rehn, il portoghese Mário Centeno e la spagnola Nadia Calviño

Fmi, corsa a 4 per sostituire Lagarde. E nessun italiano

La partita dovrebbe chiudersi entro la fine del mese. Bruxelles – a cui spetta per consuetudine la nomina del direttore generale dell’Fmi – nei prossimi giorni svelerà il nome del successore di Christine Lagarde, chiamata a propria volta a succedere Mario Draghi alla Banca centrale europea.

Sul tavolo ci sono quattro nomi: l'olandese Jeroen Dijsselbloem, il finlandese Olli Rehn, il portoghese Mário Centeno e lo spagnolo Nadia Calviño. Dunque, nessun italiano. Si era fatto il nome del governatore uscente della Bce ma è fuori dai limiti previsti per l’età.

Jeroen Dijsselbloem, presidente dell'Eurogruppo tra il 2013 e il 2018, ex ministro olandese delle Finanze e attualmente responsabile del Consiglio di sicurezza del suo paese. Ma è perseguitato da una frase che disse nel 2017 rivolgendosi ai paesi dell’Europa del Sud: “Non puoi spendere tutti i soldi in alcool e donne e poi chiedere aiuto”.

Olli Rehn, ex commissario europeo e attuale governatore della Banca centrale finlandese.

Mario Centeno, presidente dell'Eurogruppo. Da ex ministro portoghese dell’Economia ha contribuito in modo sostanziale a far uscire il paese lusitano da una grave crisi in cui era precipitato.

Nadia Calvino, ministro spagnolo dell'Economia. Un tecnico prestato alla politica da appena un anno.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com