Parag Khanna: “Dopo il virus nascerà una globalizzazione regionale”

Il politologo indiano spiega come la pandemia da Covid 19 provocherà un ridimensionamento della globalizzazione

Parag Khanna: “Dopo il virus nascerà una globalizzazione regionale”

“Un’economia non più governata dalle politiche nazionali, ma rispondente agli interessi delle multinazionali che dettano le scelte politiche padroneggiando sui destini del mondo e dell’umanità. La globalizzazione, basata sulle logiche economiche del neoliberismo, ha generato una guerra economica e finanziaria senza quartiere.” A sostenere l’atto d’accusa è Parag Khanna, uno dei maggiori esperti mondiali di geopolitica, già consulente di Obama.

“La pandemia molto probabilmente sta accelerando la definizione di un nuovo ordine mondiale - sostiene Khanna -. Il Covid-19 sancirà il trionfo di un processo di macroregionalizzazione dell’economia”.

In pratica i paesi tenderanno a intensificare i rapporti economici e politici con i paesi relativamente limitrofi, limitando le relazioni con i paesi extracontinentali. Si tratta in realtà di un processo in moto già da tempo, che è diventato sempre più evidente dopo lo scoppio della guerra commerciale tra Usa e Cina.

E sull’Ue dice. “Nonostante l’Unione europea abbia un ruolo molto importante ai fini di un regionalismo sovranazionale – aggiunge il politilogo - non assolve alla sua funzione. Credo che l’unione monetaria avrebbe dovuto essere seguita da un’unione fiscale, ma ciò sfortunatamente non è accaduto. Mi auguro che l’Ue impari dalla crisi e punti a un sistema di debito socializzato.”

Altrimenti, lo scenario che potrebbe profilarsi in caso di disgregazione dell’Ue sarebbe quello di un ruolo sempre più forte della Russia sull’Europa.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La Cina sarà il grande perdente della deglobalizzazione?

La Cina sarà il grande perdente della deglobalizzazione?

Economia

La deglobalizzazione della Cina comincia dalla finanza: stretta sulle quotazioni all’estero

La Cina ha annunciato che inasprirà le regole per le società che cercano di quotarsi all’estero e cambierà il processo di approvazione per le Ipo. E aumenta il nervosismo di Pechino con gli Stati Uniti all’indomani del duro discorso di Xi Jinping nei confronti dell’Occidente (“mai più bullismo ai danni della Cina”). [continua ]

Moneta & Mercati
La strategia a geometria variabile di Pechino verso Mosca
quoted business

La strategia a geometria variabile di Pechino con la Russia

Global
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global
Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato

Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia. La Nato si allarga

Global

Dopo l’Ue, anche il G7 rinvia all’autunno l’idea di Draghi sul gas

Il rinvio a settembre/ottobre della decisione in merito alla fissazione di un tetto massimo al prezzo del gas potrebbe essere tardivo e forse inutile. Mentre sull’oro blu si vedrà, il G7 ha dato l’ok a quello sul petrolio. Ma anche se si decidesse di bloccare il prezzo del gas chi pagherebbe la differenza rispetto al prezzo di mercato: i governi nazionali o l’Ue? [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com