Futuro del multilateralismo: G20 meno 1? G7 più 2? G4 più 2?

Il rischio è di andare verso una spaccatura globale tra economie avanzate e in via di sviluppo. A svantaggio di tutti, ricchi e poveri

Futuro del multilateralismo: G20 meno 1? G7 più 2? G4 più 2?

Nei giorni scorsi, a Washington, a fianco delle riunioni dell’Fmi e della Banca Mondiale, c’è stato il tentativo di mantenere in vita i lavori del G20. La presidenza indonesiana del Gruppo non è tuttavia riuscita ad evitare che la presenza della Russia ne bloccasse i lavori, boicottati dagli Usa e da altri Paesi.

L’Italia, quale presidente della scorsa edizione del G20, è membro della ‘Troika’, che cura la continuità dei lavori da un anno all’altro, nella quale affianca l’Indonesia insieme all’India, che presiederà il G20 programmato nel 2023. Anche il nostro Paese è pertanto coinvolto nella gestione di un problema che al momento sembra insolubile.

La difficoltà della situazione è accresciuta dal fatto che Cina e India si sono astenuti nel voto sulla risoluzione dell’Onu che ha condannato l’invasione russa dell’Ucraina. Anche la loro partecipazione al G20 rischia di creare controversie. Il punto è che – come detto – a New Delhi è affidata la presidenza del 2023.

Le successive presidenze, al momento, sarebbero del Brasile, che ha votato a favore della condanna e, nel 2025, del Sud Africa, che si è invece astenuto. Il che significa che ad esser messa a rischio è una sede importante di cooperazione multilaterale.

Dopo aver preso delibere importanti nella gestione della crisi del 2008-9, il G20 era tornato per alcuni anni ad essere scarsamente incisivo, ma aveva di nuovo suscitato qualche speranza – secondo alcuni osservatori - nell’affrontare la crisi pandemica. Sotto la presidenza italiana, seguita a quella dell’Arabia Saudita, erano poi maturate alcune idee per alleviare i debiti dei Paesi più poveri e agende pluriennali di rilievo per gestire le grandi transizioni economico-politiche globali: quella energetica-climatica-ambientale e quelle sanitaria, digitale e distributiva.

La domanda ora è: la tragedia ucraina costringerà il G20 al fallimento? Un radicale fallimento del G20 avrebbe come probabile conseguenza un rafforzamento del ruolo del G7 che tenderebbe ad allargarsi (includendo almeno l’Australia e la Corea del Sud) e a nutrire una crescente contrapposizione tra le cosiddette economie avanzate e il resto del mondo.

Nella migliore delle ipotesi il tavolo potrebbe evolvere verso incontri a quattro: Usa, Ue, Cina e India, con Africa e Sud America ospitati tramite i rappresentanti di unioni di Stati. Ma rischierebbe di risultare una contrapposizione più che un’effettiva collaborazione fra aree regionali del mondo. I formati sino a qui ipotizzati hanno infatti tutti un comune denominatore: la rivisitazione al ribasso del multilateralismo mondiale.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

“Non si fa così”, il fuorionda in cui Xi rimprovera Trudeau al G20

“Non si fa così”, il fuorionda in cui Xi rimprovera Trudeau al G20

Global

Dopo l’Ue, anche il G7 rinvia all’autunno l’idea di Draghi sul gas

Il rinvio a settembre/ottobre della decisione in merito alla fissazione di un tetto massimo al prezzo del gas potrebbe essere tardivo e forse inutile. Mentre sull’oro blu si vedrà, il G7 ha dato l’ok a quello sul petrolio. Ma anche se si decidesse di bloccare il prezzo del gas chi pagherebbe la differenza rispetto al prezzo di mercato: i governi nazionali o l’Ue? [continua ]

Global
quoted business

Il G7 conta ancora?

Le sette economie (Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Italia, Canada, Francia) producevano nel 1990 il 66% del Pil globale, oggi il 46%. Il peso dei 7 sul commercio mondiale è passato dal 52% al 30%, mentre la popolazione dal 12% al 10%. L’unica possibilità per non essere fagocitati da altri paesi, a cominciare da Cina e India, è trasformarsi da soggetti esclusivi a inclusivi, abbracciando relazioni con nuovi paesi emergenti. [continua ]

Global
Quanto ‘vale’ un G20

Quanto ‘vale’ un G20

Global
G20-Afghanistan, la carità (pelosa) e la diplomazia parallela Cina-Russia

G20-Afghanistan, la carità (pelosa) e la diplomazia parallela Cina-Russia

Global

Via libera del G7 al tetto al prezzo del petrolio russo. Von der Leyen: ”Ora anche sul gas”. Mosca: “Stop alle forniture”

La misura dovrebbe diventare efficace dal 5 dicembre per il greggio e dal 5 febbraio per i prodotti raffinati. Ma i livelli dei prezzi non sono stati ancora fissati. Il vice premier russo avverte: “Stop alle forniture di petrolio a chi impone il price cap”. Il portavoce del Cremlino: “Un tetto al prezzo destabilizzerà il mercato”. La Germania non sembra convinta. Scholz: “Per la Germania sarebbe poco responsabile rinunciare al gas russo” [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com