E se la vera svolta dell’Ue fosse sganciarsi anche dalla dipendenza dagli Stati Uniti?

Aumenta la cooperazione Italia-Usa. L’obiettivo di Washington è mettere un leader iperatlantista, ovvero Mario Draghi, a capo della Nato per il dopo Stoltenberg? Un altro dilemma resta aperto: la priorità per l’Europa è rinsaldare il Patto atlantico o ritagliarsi un nuovo ruolo nello scacchiere internazionale?

E se la vera svolta dell’Ue fosse sganciarsi dalla dipendenza dagli Usa?

Non accadeva dal 2013. L’ennesimo segnale di una forte ripresa della collaborazione fra Italia e Stati Uniti, specie sul piano dello scambio di informazioni, strategico nel quadro della guerra russa all’Ucraina. Dopo il viaggio di Mario Draghi a Washington – spiega Giovanna Vitale su Repubblica -, il 12 giugno toccherà al Copasir, il Comitato parlamentare di controllo sui Servizi segreti, volare negli Usa: una missione inedita, organizzata per incontrare i colleghi del Selecte Committee on Intelligence, l’organismo del Congresso (guidato negli anni della guerra fredda dall’allora senatore Biden) che sovrintende alle attività degli 007 e ai programmi delle agenzie del governo federale.

Un appuntamento importante anche sul fronte interno: mentre infatti Conte e Salvini continuano a contestare la linea iperatlantista di Draghi come ulteriore scudo alla controffensiva di Putin, il Comitato di controllo per la sicurezza della Repubblica presieduto da Adolfo Urso si muove invece compatto verso il rinsaldamento dei rapporti con lo storico alleato. Il quale – aggiunge Vitale -, sulla spinta della nuova dottrina Biden e complice il conflitto in Ucraina, ha deciso come mai prima di “socializzare” l’attività delle agenzie di spionaggio con quelle dei Paesi Nato, oltre che con il governo di Kiev. Una svolta utile per gettare una nuova luce sulle indagini aperte dal Copasir.

Tre in particolare sono oggetto del confronto con gli Usa. Il primo riguarda la difesa comune europea e la cooperazione tra i servizi di intelligence (con l’obiettivo di mettere a sistema gli apparati militari, ma anche lo scambio di informazioni degli 007 fra le due sponde dell’Atlantico. Il secondo verte sul dominio aerospaziale quale nuova frontiera della competizione geopolitica. Il terzo riguarda la disinformazione russa e la sua penetrazione.

In tal contesto, si fa anche strada l’ipotesi che a Washington si voglia tastare in modo informale la disponibilità di Draghi, dunque un leader iperatlantista, ad assumere la guida della Nato per il dopo Stoltenberg. Macron e Scholz proveranno probabilmente a stoppare questo tentativo: Parigi e Berlino puntano da tempo infatti a ridurre la dipendenza sull’asse Washington-Bruxelles, ben sapendo che il baricentro dell’economia mondiale si sta spostando, anzi si è già riposizionato, a Oriente. Il dilemma resta aperto: la priorità per l’Europa è rinsaldare ancora una volta il Patto atlantico, il cui formato appare ormai obsoleto, oppure ritagliarsi un nuovo ruolo (basato su una maggiore autonomia) nello scacchiere internazionale?

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Nato: “Non vogliamo una nuova guerra fredda con la Cina”

Nato: “Non vogliamo una nuova guerra fredda con la Cina”

Global

Sachs: “Il grande errore degli Usa è credere che la Nato sconfiggerà la Russia”

Gli errori dell’Occidente nei rapporti con la Russia post-sovietica hanno contribuito ad aprire la strada al nazionalismo revanscista di Putin? L’economista: “Usa e Australia si stanno strappando i capelli per un patto di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone, che è visto come una terribile minaccia alla sicurezza dall’Occidente. Come si deve sentire allora la Russia riguardo all’allargamento della Nato all’Ucraina?” [continua ]

Global

Perché l’Occidente non ha condannato la guerra di Putin in Siria?

La Russia putinista è percepita come un invasore aggressivo su un fronte e come l’energumeno utile per fare il lavoro sporco su un altro. La guerra al terrorismo, avviata dagli Usa, ha fornito a Putin (che è già alla sua quinta guerra) un’occasione d’oro per realizzare le sue ambizioni imperialistiche di far risorgere l’impero russo. [continua ]

Strategie & Regole
La guerra in Ucraina allontana l’Occidente dal resto del globo

La guerra in Ucraina allontana l’Occidente dal resto del mondo

Global

Quali paesi stanno comprando combustibili fossili russi? L’Ue è prima con il 54% per un valore di 85 mld, seguita dalla Cina (con ‘appena’ 35 mld)

In sei mesi Mosca ha guadagnato 158 miliardi di euro dalle esportazioni di combustibili: gli incassi della Russia da gas e petrolio superano i costi della guerra. [continua ]

Global

Gli Stati Uniti hanno già speso 8,2 miliardi di dollari per rifornire di armi l’Ucraina

La guerra che nessuno sembra voler far finire. Il repubblicano e veterano Mike Waltz di ritorno dall’Ucraina: “Zelensky sente come se stesse perdendo lentamente, come se l’amministrazione Biden lo stesse di fatto aiutando a giocare per il pareggio”. [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com