Export ad alta tecnologia: prima la Cina con 758 mld. Usa, Giappone e Germania arrivano a 427 mld

Da rilevare la rilevante performance del Vietnam, che può contare su un valore appena inferiore a quello del Giappone. L’Italia si posiziona penultima: soltanto la Russia fa peggio

Export ad alta tecnologia: prima la Cina con 758 miliardi di dollari

Chi esporta, in termini assoluti, la maggior quantità di prodotti ad alta tecnologia, ovvero quelli in cui c’è incorporata un’alta intensità di ricerca e sviluppo (R&S)? Proviamo a rispondere prendendo in considerazione alcune tra le principali economie al mondo: Cina, Corea del Sud, Federazione russa, Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti, Vietnam.

Ebbene, come il grafico evidenzia con chiarezza, fra questi 10 paesi, soltanto in Cina è osservabile un trend crescente; in tutti gli altri l’andamento è stato stazionario a partire dal 2007 (l’anno inziale della serie storica riportata nel grafico).

Sorprende la posizione della prima economia al mondo, superata da Germania e Corea del Sud. E sommando l’export totale (misurato in dollari statunitensi) di Usa, Giappone e Germania (ovvero la prima, la terza e la quarta economie al mondo) si arriva a 427 miliardi; la Cina da sola tocca i 758 mld.

L’Italia, la cui economia è fortemente caratterizzata da nanismo industriale e specializzazione in ambiti low-tech, oltre a un livello di R&S modesto rispetto ai principali paesi competitors, si posiziona penultima: soltanto la Russia fa peggio.

Da rilevare anche la rilevante performance del Vietnam, che può contare su un valore appena inferiore a quello del Giappone.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La strategia a geometria variabile di Pechino verso Mosca
quoted business

La strategia a geometria variabile di Pechino con la Russia

Global
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global
Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato

Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia. La Nato si allarga

Global

Dopo l’Ue, anche il G7 rinvia all’autunno l’idea di Draghi sul gas

Il rinvio a settembre/ottobre della decisione in merito alla fissazione di un tetto massimo al prezzo del gas potrebbe essere tardivo e forse inutile. Mentre sull’oro blu si vedrà, il G7 ha dato l’ok a quello sul petrolio. Ma anche se si decidesse di bloccare il prezzo del gas chi pagherebbe la differenza rispetto al prezzo di mercato: i governi nazionali o l’Ue? [continua ]

Global
quoted business

Il G7 conta ancora?

Le sette economie (Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Italia, Canada, Francia) producevano nel 1990 il 66% del Pil globale, oggi il 46%. Il peso dei 7 sul commercio mondiale è passato dal 52% al 30%, mentre la popolazione dal 12% al 10%. L’unica possibilità per non essere fagocitati da altri paesi, a cominciare da Cina e India, è trasformarsi da soggetti esclusivi a inclusivi, abbracciando relazioni con nuovi paesi emergenti. [continua ]

Global
Nuove rotte marittime nasceranno dallo scioglimento dell’Artico

Nuove rotte marittime nasceranno dallo scioglimento dell’Artico. Per la Russia non è buona notizia

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com