La guerra in Ucraina allontana l’Occidente dal resto del mondo

La guerra in Ucraina allontana l’Occidente dal resto del globo

L’Occidente e l’ombelico del mondo. Un binomio che sembra non funzionare più. Un nuovo sondaggio - condotto tra oltre 21mila persone di 22 paesi, in tutti i continenti, e gestito dalla fondazione Open society - rivela la difficoltà degli occidentali nel far accettare la propria lettura del conflitto in Ucraina nel cosiddetto ‘sud globale’, anche in paesi non ostili come l’India o il Senegal.

Quando Vladimir Putin afferma, come ha fatto nuovamente l’8 settembre, che è “impossibile isolare la Russia”, non sostiene qualcosa privo di fondamento, perché la Russia può contare sull’appoggio della Cina e sulla neutralità benevola di una serie di altri Stati. Il Sudafrica, per esempio, non ha dimenticato che durante la lotta contro l’apartheid è stata l’Unione Sovietica ad aiutare l’African national congress di Nelson Mandela, non l’occidente. Non stupisce dunque che il paese sia comprensivo nei confronti di Mosca.

In realtà, dal sondaggio, più che un’adesione alle tesi russe emerge un sentimento di sfida nei confronti di un Occidente che per troppo tempo ha mantenuto un atteggiamento egemonico. È possibile cambiare questa percezione? “È difficile, perché parliamo di un’immagine creata nel corso dei decenni che non si può cambiare con semplici proclami – scrive Pierre Haski su Internazionale -. Quando l’Occidente si giustifica con il diritto internazionale per difendere l’Ucraina, un qualsiasi cittadino di un paese del sud può pensare legittimamente a diverse situazioni in cui lo stesso diritto è stato violato nell’indifferenza generale”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La narrativa secondo cui l’Occidente è nobile mentre Russia e Cina sono malvagie è ingenua e pericolosa

Dal 1980 gli Usa sono stati coinvolti in almeno 15 guerre all’estero; nessun coinvolgimento invece per la Cina e ‘solo’ 1 per la Russia. La paura nei confronti di Pechino e Mosca viene venduta al pubblico occidentale attraverso la manipolazione dei fatti. Al centro c’è il tentativo degli Stati Uniti di rimanere la potenza egemonica mondiale. Ma Washington può contare ‘soltanto’ sul 4,2% della popolazione mondiale e sul 16% del Pil globale. [continua ]

Global
Il nuovo Patto tra Cina e Russia che sfida l’Occidente

Il nuovo Patto tra Cina e Russia che sfida l’Occidente

Global
Brics versus Bricasi

Brics, Argentina e Iran verso il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa

Global
La strategia a geometria variabile di Pechino verso Mosca
quoted business

La strategia a geometria variabile di Pechino con la Russia

Global
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global
Nuove rotte marittime nasceranno dallo scioglimento dell’Artico

Nuove rotte marittime nasceranno dallo scioglimento dell’Artico. Per la Russia non è buona notizia

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com