Dal dollaro allo yuan. Entra in gioco anche l’India

Il mondo verso una concreta dedollarizzazione? L’India potrebbe adottare l’uso dello yuan/renminbi come valuta di riferimento nell’attivazione di un meccanismo di interscambio commerciale con la Russia denominato in rupie-rubli

Dal dollaro allo yuan. Entra in gioco anche l’India

L’India sta vagliando l’uso dello yuan/renminbi come valuta di riferimento nell’attivazione di un meccanismo di interscambio commerciale con la Russia denominato in rupie-rubli.

Si tratta di un fatto che segnala il pragmatismo indiano a fronte delle conseguenze, anche finanziarie, della guerra in Ucraina. E, soprattutto, la tendenza alla progressiva erosione dell’egemonia del dollaro nel sistema internazionale. La dedollarizzazione rappresenta un obiettivo di lungo periodo della Cina (e in minor misura della Russia), dato che lo strapotere del biglietto verde è uno dei cardini della supremazia statunitense.

L’uso delle valute nazionali russa e indiana nelle transazioni bilaterali non costituisce una novità assoluta e non sarà tale eventuale accordo (alla luce dei livelli di commercio tra Russia e India) a causare l’internazionalizzazione dello yuan. Però rivela alcune dinamiche che probabilmente plasmeranno i rapporti di forza nello scacchiere geopolitico mondiale.

La Cina è per l’India il rivale principale, mentre la Russia è un partner chiave in termini di forniture militari e un contrappeso geopolitico ai due pesi massimi statunitense e cinese, oltre che a rivestire un ruolo da attore decisivo in partite come quelle che si giocano in Asia centro-meridionale.

Per questo, sebbene abbia invocato la cessazione delle violenze in Ucraina, finora Delhi ha evitato di condannare l’operato del Cremlino. Non allineandosi alle posizioni e alle sanzioni proposte dagli Stati Uniti, cui pure negli ultimi anni Delhi si è avvicinata.

Terzo paese importatore di petrolio al mondo, l’India necessita di diversificare le sue forniture energetiche e a questo fine sta puntando anche sulla Federazione, che ha offerto sconti sui prezzi del greggio e di altre materie prime che la guerra in Ucraina e le sanzioni stanno facendo salire rapidamente. Crescita che pone il Subcontinente in una posizione delicata, visto che rischia di rallentare l’economia già in difficoltà.

Se lo yuan divenisse moneta di riferimento di questo accordo, il secondo paese più popoloso al mondo dovrà fare bene i propri calcoli per evitare che ciò contribuisca a un appiattimento di Mosca su Pechino, anche in ragione dell’accresciuta centralità finanziaria cinese, limitando il margine di manovra della Russia e dunque del Subcontinente nel contenimento dell’ingombrante vicino.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Gli Stati Uniti superano la Cina come primo partner commerciale di Delhi

Gli Stati Uniti superano la Cina come primo partner commerciale dell’India

Global

Arabia Saudita e Cina puntano a sostituire il dollaro con lo yuan nella vendita del petrolio

Il maggior importatore di petrolio, la Cina, con il più grande esportatore, l’Arabia Saudita, studiano il passaggio dai petrodollari ai petroyuan. La novità avrebbe conseguenze rilevanti per il mercato petrolifero globale che da sempre usa la valuta statunitense come moneta ufficiale. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global
Ecco come Turchia, Russia e Cina vogliono spartirsi il continente

Ecco come Turchia, Russia e Cina vogliono spartirsi l’Africa

Global
La Cina ha scaricato la Russia?
quoted business

La Cina ha scaricato la Russia?

Global

L’India approfitta delle sanzioni contro la Russia: compra petrolio a buon mercato e lo rivende all’Europa raffinato e più costoso

Le sanzioni europee contro la Russia stanno alterando l’assetto dell’economia globale. E mettono in evidenza due importanti paradossi. Primo: se l’obiettivo è davvero annientare l’economia russa solo con il gas, non con il petrolio, è possibile. Secondo: se non si introducono sanzioni secondarie, a rimetterci sono anche, e forse soprattutto, i paesi che hanno introdotto le sanzioni stesse. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com