Cina, India e Russia crescono in media più del 4%. Le economie avanzate meno del 2%

Secondo le proiezioni dell’Fmi, l’Italia sarà fanalino di coda del G7 nel 2025

Cina, India e Russia crescono a una media superiore al 4%

L’economia è resiliente e ha superato i timori di stagflazione e recessione globale. Inoltre, l’inflazione è scesa dal picco della metà del 2022 e l’aumento dell’occupazione e dei salari si è mantenuta stabile. È quanto emerge dal World Economic Outlook del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale.

Le stime sul 2024 sono fondamentalmente intatte rispetto alle previsioni del gennaio del 2024. Quest’anno la crescita del Pil è del 3,2% e si manterrà sullo stesso livello nel 2025. Si tratta di un ritmo storicamente basso influenzato dal costo alto del denaro e dalla fine dei sostegni fiscali alla crescita (in particolare le misure per contrastare gli effetti del Covid-19).

A pesare sull’incertezza, oltre agli effetti a lunga gittata del Covid, ci sono le crisi geopolitiche. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia sta ancora facendo scontare – due anni dopo l’evento – il suo prezzo. E altre crisi come quella in Medio Oriente rendono frammentato lo scenario “geoeconomico”.

Per quanto riguarda l’inflazione, invece, i timori sembrano rientrare. A livello globale è atteso un calo dal 6,8 del 2023 al 5,9% del 2024 e al 4,5% del prossimo anno. Le economie avanzate - secondo l’Fmi - raggiungeranno i loro target, che ad esempio per gli Stati Uniti è il 2%.

Disaggregando i dati e osservando la crescita nei singoli Paesi, le stime per l’Italia fotografano una crescita nel biennio 2024-2025 pari allo 0.7%. Ma se nel 2024 il dato è in media con l’Eurozona, nel 2025 invece l’Italia sarà fanalino di coda fra le economie del G7, così come fra i 20 Paesi che aderiscono alla moneta unica. Le stime del Fondo, in particolare, indicano per l’anno prossimo: +1,3% per la Germania, +1,4% per la Francia, +1% per il Giappone, +1,5% per il Regno Unito, +2,3% per il Canada e +1,9% per gli Stati Uniti.

La Cina, la seconda economia al mondo, scenderà nel 2025 al 4,1%. Anche l’India, il ritmo di crescita del paese più popoloso a livello globale, calerà, mantenendosi comunque su valori superiori al 6%. Tiene botta la Russia che segna il 3,2% quest’anno e 1,8% nel 2025. Nella stesso anno, l’Arabia Saudita potrà contare su un tasso di crescita del 6%, mentre la Nigeria continuerà a navigare intorno al 3%.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

1/3 dell’economia globale in recessione nel 2023. E l’Fmi boccia il price cap sui beni energetici

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso per la terza volta la stima sul Pil 2022. Pandemia, inflazione, tassi e guerra bruciano 4mila miliardi di dollari di crescita potenziale, ovvero il Pil della Germania. L’Fmi stronca il price cap: “Sappiamo che il controllo dei prezzi per un lungo periodo di tempo non è conveniente e neppure efficace”. [continua ]

Economia
Istruzione bistrattata. Eppure è uno dei motori della crescita economica

Istruzione bistrattata. Eppure è uno dei motori della crescita economica

Jobs & Skills

La domanda che dovremmo porci non è a quanta crescita economica puntare, ma a che tipo

Sebbene sia importante, il Pil in astratto non dovrebbe costituire l’obiettivo ultimo dei governi nazionali. E la crescita trainata dagli investimenti e i diritti dei lavoratori, ovvero i veri creatori di valore, non dovrebbero essere considerati priorità concorrenti. Dopo tutto, a cosa serve un tasso di crescita elevato se per raggiungerlo sono necessarie cattive condizioni di lavoro o un’industria dei combustibili fossili in espansione? [continua ]

Economia
Dazi a scopo preventivo

Dazi a scopo preventivo

Economia
‘Choose France’. Raccolti 15 miliardi di investimenti esteri

‘Choose France’. Raccolti 15 miliardi di investimenti esteri

Economia
Nelle economie avanzate qualcosa è andato storto

Nelle economie avanzate qualcosa è andato storto

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com