Belgio, Re Filippo chiede scusa “per le ferite coloniali in Congo”

È la prima volta nella storia

Belgio, Re Filippo chiede scusa “per le ferite coloniali”

“Esprimo il mio più profondo rammarico per queste ferite del passato, il cui dolore è oggi alimentato dalle discriminazioni ancora presenti nelle nostre società”. Parole storiche di Re Filippo del Belgio contenute in una lettera inviata al presidente della Repubblica Democratica del Congo, Félix Tshisekedi, nella giornata che celebra 60 anni dall’indipendenza.

È la prima volta nella storia del Paese che un regnante rivede la propria storia coloniale facendo un mea culpa. Al tempo dello Stato indipendente del Congo, quando il territorio era di proprietà esclusiva di Re Leopoldo II furono commessi atti “che continuano a pesare sulla nostra memoria collettiva”, ha detto Re Filippo che regna dal 2013. “Il periodo coloniale che seguì (dal 1908 al 1960 quando il Congo passò dalle mani di Leopoldo a quelle dello Stato belga) causò sofferenza e umiliazione”.

Il Paese è uno dei più ricchi del continente africano tra miniere di diamanti, rame, uranio e altri minerali, tutte risorse concentrate maggiormente nella regione del Katanga e sfruttate da aziende straniere. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Cobalto e sfruttamento. Cinesi in fuga dal Congo

Vittime di aggressioni e rapimenti legati alle attività minerarie: l’ambasciata di Kinshasa ha invitato cittadini e aziende della seconda economia al mondo a evacuare. Le imprese cinesi, viste con sempre maggiore sfiducia dalle comunità locali, sono iperattive nella Repubblica Democratica del Congo per nutrire l’appetito della madrepatria di risorse. Ma nella Repubblica africana la violenza, l’impiego di bambini, le condizioni di lavoro proibitive e le paghe misere sono anche nelle nostre tasche e case. [continua ]

Strategie & Regole
Frase del giorno - Parole

Glencore e altre multinazionali succhiano il cobalto della Repubblica Democratica del Congo senza pagare un minimo di royalties e tasse.

Economia

Repubblica democratica del Congo, il Belgio restituirà il dente dell’eroe dell’indipendenza

Il Belgio restituirà alla Repubblica Democratica del Congo il dente sottratto al corpo dell’eroe dell’indipendenza Patrice Lumumba, assassinato nel 1961. Lo ha annunciato il presidente congolese, Felix Tshisekedi, precisando che l’evento avverrà entro il prossimo giugno, in tempo per le celebrazioni del 61° anniversario dell’indipendenza del Paese africano. [continua ]

Global
Affari sospetti di Eni in Congo
quoted business

Affari sospetti di Eni in Congo

Energie & Risorse
Si risveglia il vulcano Nyiragongo. Migliaia in fuga. Goma evacuata

Congo, si risveglia il vulcano Nyiragongo. Migliaia in fuga. Goma evacuata

Planet

Altro che eolico e solare. Il Nordafrica è la nuova frontiera dell’idrogeno verde. Rivoluzione o un’altra forma di colonialismo?

Ma non è tutto oro (anzi idrogeno) ciò che luccica, soprattutto per le popolazioni locali. Il rischio è quello di riprodurre il colonialismo anche nei processi di transizione alle energie rinnovabili, assumendo la forma di green grabbing (accaparramento ecologico) [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com