Francia e Turchia ai ferri corti: “Macron è uno sponsor dei terroristi”

Lo scontro avviene pochi giorni prima di un vertice della Nato (che si terrà nel Regno Unito) e pochi giorni dopo la frase del presidente francese che ha fatto discutere: “La Nato è in stato di morte cerebrale”

Francia e Turchia ai ferri corti: “Macron è uno sponsor dei terroristi”

Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha attaccato Emmanuel Macron definendolo uno “sponsor del terrorismo” per aver criticato l’offensiva militare turca in Siria contro i curdi dell’Ypg, considerati appunto terroristi da Ankara.

Cavusoglu ha poi aggiunto che Macron vorrebbe diventare il capo dell’Europa ma è “debole”.

Lo scontro avviene pochi giorni prima di un vertice della Nato (che si terrà nel Regno Unito), l’Organizzazione atlantica alla quale aderiscono entrambi i paesi, e pochi giorni dopo la frase del presidente francese che ha fatto discutere: “La Nato è in stato di morte cerebrale”. E il 28 novembre ha ricarato la dose spiegando di non essersi pentito per aver qualificato la Nato in quel modo.

Sullo sfondo, l’obiettivo espresso da Macron di togliere le sanzioni contro la Russia imposte dall’Ue dopo l’annessione della Crimea da parte di Mosca. Mettere in discussione la Nato per favorire una nuova apertura nei confronti di Mosca.

Articoli correlati

Digital tax, Washington minaccia Parigi: dazi del 100%

Digital tax, Washington minaccia Parigi: dazi del 100% sull’import dalla Francia

Global
Macedonia Nord: sarà presto il 30/mo membro Nato

Macedonia Nord: sarà presto il 30/mo membro Nato

Global
Intesa conquista Ubi con il pieno di adesioni. Oltre il 90%

quoted business

Intesa conquista Ubi con il pieno di adesioni. Oltre il 90%

Moneta & Mercati
Intesa conquista Ubi (e valuta l’acquisizione di Rcs)

quoted business

Intesa conquista Ubi (e valuta l’acquisizione di Rcs). Nasce il 7° gruppo bancario europeo

Moneta & Mercati

Per la prima volta in Europa le rinnovabili superano i combustibili fossili. Ma…

Nella prima metà del 2020 le energie rinnovabili hanno generato il 40% dell’elettricità dell’UE27, sorpassando per la prima volta i combustibili fossili che si fermano al 34%. Lo rileva un nuovo rapporto del think tank sul clima Ember. Il settore eolico e quello solare hanno visto quest’anno quote di mercato senza precedenti, generando il 21% dell’elettricità totale europea e raggiungendo livelli ancora più elevati in Danimarca (64%), Irlanda (49%) e Germania (42%). [continua ]

Energie & Risorse

Auto, in Europa c’è solo un Paese che segna un valore positivo: è la Francia

Le vendite di auto in Europa (Ue + Efta + Regno Unito) sono ancora in diminuzione a giugno. Lo rilevano i dati dell’Associazione dei costruttori europei (Acea). Le immatricolazioni in ambito europeo scendono del 24,1% rispetto allo stesso mese del 2019 a 1.131.843 di unità. Nei primi sei mesi dell’anno la riduzione è stata pari al 39,5%. In Italia il calo (a giugno) tocca il 23,1% a 132.457 unità e nei primi 6 mesi il 46,1%. [continua ]

Mobilità

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com