Aumentano i fondi italiani alla Guardia costiera libica

Il Parlamento ha dato l’ok alla delibera che autorizza e proroga le missioni militari italiane all’estero. Crescono di mezzo milione di euro i finanziamenti destinati al blocco dei flussi migratori: passati da 10 mln nel 2020 a 10,5 nel 2021. In totale 32,6 mln destinati alla Guardia Costiera libica dal 2017 e salgono a 271 i mln spesi dall’Italia per le missioni nel paese nord africano. Dall’inizio dell’anno oltre 720 vittime lungo la rotta del Mediterraneo centrale, almeno 7.135 dalla firma dell’accordo tra Italia e Libia.

Aumentano i fondi italiani alla Guardia costiera

Continuano ad aumentare gli stanziamenti italiani alla Guardia Costiera libica. Il Governo ha infatti deciso di destinare 500 mila euro in più nel 2021 per sostenerne le attività, per un totale di 32,6 milioni di euro spesi dal 2017, anno dell’accordo Italia-Libia.

Sale anche a 960 milioni il costo sostenuto dai contribuenti italiani per le missioni navali nel Mediterraneo (nessuna delle quali ha compiti di ricerca e soccorso in mare) e nel paese nord africano, con un aumento di 17 milioni rispetto al 2020 per la missione Mare Sicuro e 15 milioni per Irini. Tutto ciò, nonostante si continui a morire lungo la rotta del Mediterraneo centrale - con oltre 720 vittime dall’inizio dell’anno – e siano oramai ben note le modalità di intervento della cosiddetta Guardia Costiera libica.

È l’allarme lanciato da Oxfam, secondo cui sono migliaia (13 mila solo nel 2021) le persone intercettate e riportate in Libia. Il dato tuttavia non ha suggerito al Governo e al Parlamento (la Camera ha dato l’ok alla delibera che autorizza e proroga le missioni militari italiane all’estero) una profonda riflessione sul destino dei migranti, tra cui donne e bambini, che una volta rientrati nel paese nord-africano sono destinati ad essere vittime di abusi e torture sistematiche dalle quali stavano scappando, finendo nei centri di detenzione ufficiali e in altri luoghi di prigionia clandestini. Così come le istituzioni italiane non hanno attuato una revisione dello stesso accordo con le autorità libiche, nonostante numerose inchieste e testimonianze abbiano confermato il coinvolgimento della Guardia Costiera libica nel traffico di esseri umani.

La voce di quoted

La delibera approvata prevede anche di affidare all’Ue a partire dal 2022 gli accordi con la guardia costiera libica. La mossa, seppur condivisibile nel tentativo di coinvolgere i 27 membri dell’Unione ( che hanno fino ad oggi rifiutato la redistribuzione dei migranti lasciando tutte le incombenze ai paesi di primo approdo), più che risolvere il problema sembra mirare a una mera deresponsabilizzazione dell’Italia.
Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Quanti soldi diamo alla Libia per fermare i migranti?

“Le immagini dei bambini morti sulle spiagge della Libia sono inaccettabili”. Si è espresso così Mario Draghi al termine del Consiglio europeo, che mostra tutte le resistenze continentali verso una riforma organica del dossier immigrazione. Entro giugno si arriverà al massimo a un patto intergovernativo che garantisca la suddivisione dei migranti tra alcuni dei Paesi membri. Intanto, dal 2017, l’Italia ha speso in Libia 784,3 mln di euro. Ma la destinazione finale di questi fondi non è nota. [continua ]

Global
Mitig: “L’Italia non sa cosa vuole e non ha una strategia politica”

Mitig: “L’Italia non sa cosa vuole in Libia e non ha una strategia politica”

Global

quoted business

Draghi in Libia. Obiettivo: una nuova leadership dell’Italia nel paese nordafricano

È la prima all’estero per il presidente del Consiglio.cPer l’Italia tornano così ad aprirsi spiragli economici, diplomatici e sui migranti. Sono questi i tre dossier al centro della missione di Draghi [continua ]

Global
Ecco come la politica dell’Italia arricchisce i trafficanti

Ecco come la politica dell’Italia in Libia arricchisce (ancora di più) i trafficanti di esseri umani

Global

“Dall’Italia ancora più soldi alla Libia”

L’Italia ha in programma di continuare ad aumentare gli stanziamenti alla Guardia Costiera libica: 3 milioni in più nel 2020, per un totale di 58,28 milioni di euro diretti alle autorità libiche, che portano il costo sostenuto dai contribuenti italiani a sostegno dell'accordo Italia-Libia, siglato nel 2017, a 213 milioni di euro. [continua ]

Strategie & Regole
Premier Serraj: “800mila migranti pronti a invadere l'Italia e l'Ue"

Premier Serraj: “800mila tra libici, migranti (e molti terroristi) pronti a invadere l’Italia e l'Ue”

Global

La voce di quoted

La delibera approvata prevede anche di affidare all’Ue a partire dal 2022 gli accordi con la guardia costiera libica. La mossa, seppur condivisibile nel tentativo di coinvolgere i 27 membri dell’Unione ( che hanno fino ad oggi rifiutato la redistribuzione dei migranti lasciando tutte le incombenze ai paesi di primo approdo), più che risolvere il problema sembra mirare a una mera deresponsabilizzazione dell’Italia.
www.quotedbusiness.com