Trump: dazi del 20% sulle importazioni di auto. Unione europea nel mirino

Il presidente Usa attacca i produttori esteri, colpevoli di non assemblare abbastanza automobili negli Usa. Quelle provenienti dall'Ue potrebbero essere sottoposte a nuove tariffe se Bruxelles decidesse di vendicarsi per quelle imposte da Washington su acciaio e alluminio

Trump: dazi del 20% sulle importazioni di auto

Donald Trump sta pensando di imporre una tariffa del 20% sui veicoli introdotti negli Stati Uniti. Nella visione del presidente Usa le auto provenienti dall'Ue potrebbero essere soggette a nuovi dazi se Bruxelles decidesse di vendicarsi per quelli imposti da Washington su acciaio e alluminio.

Violazione accordi dell’Omc

Non è detto che Trump ci riesca. Sarebbe, infatti, difficile stabilire tariffe addizionali sull’import di auto senza violare le regole dell'Organizzazione mondiale del commercio. In base agli accordi, le automobili importate negli Stati Uniti sono soggette a dazi del 2,5%, che salgono al 25% nel caso dei camion.

L’altra idea di Trump sulle emissioni

Pur di “proteggere” la produzione domestica la Casa Bianca studia l’ipotesi di sottoporre le importazioni a standard di emissioni più stringenti rispetto ai veicoli domestici. L’idea è sostenuta dai produttori a stelle e strisce, per i quali gli attuali limiti sono troppo rigorosi e penalizzano la domanda degli acquirenti di camion e veicoli sportivi, che costituiscono al momento il 60% delle vendite all’interno del paese.

Nafta

Trump è di nuovo tornato su un altro tema caldo: il Nafta, l’accordo commerciale, “pessimo” secondo il presidente Usa, con Messico e Canada firmato da Clinton nel 1994. L’obiettivo è di portare dall’attuale 62,5% al 75% la quota di componenti realizzati nei tre paesi e presenti nella auto prodotte negli Stati Uniti. In questo modo si eviterebbe di incorrere nei dazi altrui e si placherebbero le ansie delle aziende che hanno delocalizzato in Messico, sempre più preoccupate degli effetti di eventuali cambiamenti al Nafta.

Marchionne

Trump, tuttavia, continua a sostenere che sarebbe meglio "costruire le auto negli Usa e poi spedirle all'estero". E ha un esempio a portata di mano: è quel Sergio Marchionne, ceo di Fca, che ha avuto il merito di spostare una sede dal Messico in Michigan. "Questo è ciò che ci piace - ha detto il presidente - In questo momento è il mio uomo preferito nella stanza dei bottoni".

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com