Guerra commerciale, Trump impone nuovi dazi su 200 miliardi di importazioni cinesi

Trump impone nuovi dazi su 200 mld di import cinese
Il riso cinese è uno dei prodotti sottoposti a dazi dal governo Usa

Donald Trump, incoraggiato dalla forza economica statunitense e dal rallentamento della Cina, ha intensificato, anziché allentare, la guerra commerciale con Pechino, affermando che gli Stati Uniti sono pronti ad imporre nuovi dazi su ulteriori 200 miliardi di dollari di importazioni dalla Cina. Dovrebbero entrare in vigore il 24 settembre e saranno pari al 10%. Si passerà al 25% dal primo gennaio.

Le nuove tariffe si aggiungono ai 50 miliardi già tassati all'inizio di quest'anno. A questo punto quasi la metà delle importazioni cinesi negli Stati Uniti saranno soggette a dazi.

Lo scopo di Washington è quello di aumentare la pressione sulla Cina per modificare le pratiche commerciali che, secondo Trump, stanno danneggiando le imprese americane. Intanto l'economia cinese e la spesa per le infrastrutture stanno rallentando. Gli Stati Uniti, al contrario, stanno continuando a sperimentare una robusta crescita e il più basso tasso di disoccupazione dal 2000.

Trump, tuttavia, insiste. Il suo obiettivo è consentire alle imprese Usa una maggiore penetrazione nel mercato cinese senza costringerle a condividere know-how e tecnologia con i partner cinesi. Ma il vero rischio per gli Stati Uniti è in realtà l'effetto boomerang, come molte aziende statunitensi - che acquistano semilavorati e componenti prodotti nella secondo economia al mondo - hanno evidenziato nelle scorse settimane.

Il presidente cinese Xi Jinping ha sempre detto di rispondere “dollar-for-dollar”. In verità le importazioni di prodotti Usa in Cina sono notevolmente inferiori alle esportazioni cinesi negli Stati Uniti. Ciò significa che il margine di manovra per Pechino è relativamente ridotto.

Al momento gli effetti della guerra commerciale sull’economia non sono stati rilevanti. Ma la situazione cambierebbe radicalmente se Trump decidesse - come ha dichiarato di voler fare - di imporre dazi su tutte le importazioni provenienti dalla Cina.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com