Tria: "La fuga di cervelli costa all'Italia 14 mld"

Il ministro dell'Economia: "La fuga di cervelli all'estero ci fa perdere ogni anno circa l'1% del Pil"

Tria: "La fuga di cervelli costa 14 mld"

"Stiamo disperdendo talenti ma anche risorse". E, poi: "la fuga di cervelli all'estero che sta conoscendo l'Italia ci fa perdere circa 14 miliardi all'anno poco meno dell'1% del Pil". Si è espresso così il ministro dell'Economia. "Non si passa al fianco della trasformazione digitale: o ne siamo protagonisti o la subiamo. E se la subiamo il rischio principale, a lungo termine, è politico, non economico", avverte Tria.

Ogni rivoluzione economica ha avuto la sua "materia prima", spiega il ministro, e oggi "l'oro, il carbone, il petrolio sono stati sostituiti dai dati. Dalla massa di informazione creata dipende la capacità di generare innovazione, nuovi servizi e tecnologie".

Diversamente dal passato "la produzione di tale materia prima è indipendente dalla possibilità di utilizzarla, questo nuovo petrolio lo produciamo anche in Italia ma ciò che importa è chi la possiede realmente e riesce a sfruttarlo", ammonisce il titolare del dicastero di via XX Settembre.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com