Italia, l’Fmi alza il pil 2021 al 4,2%

Ma per tornare ai livelli pre-pandemia (quando l’Italia era ultima per crescita economica nell’Ue) occorrerà attendere il 2023

L’Fmi alza il pil 2021 al 4,2%

Il Fondo monetario internazionale rivede al rialzo le stime di crescita per l’Italia per il 2021. Dopo una contrazione dell'8,9% nel 2020, il Pil è atteso crescere quest'anno del 4,2%, ovvero 1,2 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di gennaio. Per il 2022 il Fondo prevede un Pil in aumento del 3,6%, invariato rispetto a gennaio ma un punto percentuale in più rispetto a ottobre 2020.

Il debito pubblico italiano è atteso salire nel 2021 al 157,1% del Pil dal 155,6% del 2020. Il Fondo migliora la sua stima rispetto a ottobre 2020, quando aveva previsto un debito al 158,3% per quest’anno. Per il 2022 il debito è stimato al 155,5%.

Il deficit è atteso scendere dal 9,5% del 2020 all’8,8% di quest’anno, per poi scendere al 5,5% il prossimo.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com