Geoeconomia del G20: è cambiata negli ultimi 30 anni?

Confrontando i dati di oggi con quelli di trent’anni fa, si osserva, oltre alla crescita esponenziale della Cina, il fatto che gli Stati Uniti, oggi come nel 1990, rappresentano circa un quarto dell’economia mondiale

Geoeconomia del G20: è cambiata negli ultimi 30 anni?

Il G20 è un formato oggi in crisi, ma resta comunque un importante forum di incontri ai massimi livelli. Confrontando i dati di oggi con quelli di trent’anni fa, si osserva, oltre alla crescita esponenziale della Cina, il fatto che gli Stati Uniti, oggi come nel 1990, rappresentano circa un quarto dell’economia mondiale. Rispetto a tre decenni fa, perdono peso quasi tutti gli altri Stati e, in particolare, l’Unione europea e il Giappone.

Nel confronto fra Paesi, emergono le significative differenze su variabili chiave quali la quota di anziani sulla popolazione (29,8 per cento in Giappone e tra 7 e 8 in India e Indonesia), la partecipazione femminile al mercato del lavoro (63,4 per cento in Cina e 27,6 in India), la quota di spesa pubblica sul Pil (50 per cento in UE, 17,5 in Indonesia, 33,1 in Cina e 38,5 negli Stati Uniti), la quota di debito pubblico sul Pil (dal 261,3 per cento del Giappone, al lordo degli avanzi previdenziali, al 121,7 degli Usa, al 77,1 della Cina fino al 39,9 dell’Indonesia e al 19,6 della Russia).

Alcuni dei Paesi del G20, inoltre, registrano grandi e persistenti avanzi della bilancia dei pagamenti corrente (Germania, Cina, Giappone, Corea del Sud, Russia), altri registrano deficit cronici e sono spesso andati incontro a situazioni di crisi finanziaria.

Se queste differenze non si trasformeranno in contrapposizioni tra blocchi, sarà forse ancora possibile che il dialogo tra i grandi della Terra riprenda per affrontare nodi cruciali – come la trasformazione energetica e le regole della globalizzazione – che evidentemente non possono essere affrontati e risolti dai singoli Paesi.

Peraltro, Paesi come Cina, India, Indonesia e numerosi Stati africani, sanno bene che il loro sviluppo è in gran parte dovuto alla liberalizzazione degli scambi che ha avuto luogo negli ultimi trent’anni. In estrema sintesi, la globalizzazione ha aumentato la disuguaglianza su base domestica, ma l’ha parzialmente ridotta su base mondiale nel confronto tra Paesi proprio in virtù della crescita di economie inizialmente modeste e della conseguente emersione di una nuova classe media nei Paesi in via di sviluppo e soprattutto nelle economie emergenti.

Ma gli squilibri tra Nord e Sud e del mondo restano molto rilevanti, come dimostra l’evidenza empirica: ad esempio, anche sommando tutte insieme le economie dell’acronimo BRICS, ovvero Brasile, Russia, India, Cina, e Sud Africa, il risultato resta al di sotto del Pil della prima economia al mondo (fonte: My Data Jungle). Da questo punto di vista sembra mutato poco rispetto a 30 anni orsono. Se invece si leggono questi dati in chiave prospettica, di lungo periodo, allora si coglie il senso del cambiamento che diverrà maturo nei prossimi anni. E che vede scendere dal podio gli Stati Uniti, ma anche il Giappone (attuale terza economia al mondo) ed l'Europa.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’economia del Regno Unito sarà la peggiore del G20 quest’anno

L’economia del Regno Unito sarà la peggiore del G20 quest’anno

Economia
La Germania è ora la terza economia globale

La Germania è ora la terza economia mondiale

Economia
Nel 2024 la crescita dell’economia globale sarà trainata dall’Asia

Nel 2024 la crescita dell’economia mondiale sarà trainata dall’Asia

Economia
La guerra in Medio Oriente mette a rischio “l’atterraggio morbido”

La guerra in Medio Oriente mette a rischio “l’atterraggio morbido” per l’economia globale

Economia

Le politiche realizzate negli Usa e in Europa mirano a stoppare tutta l’economia per fermare la crescita solo di alcuni prezzi

L’economista Mario Pianta: “La politica macroeconomica richiederebbe invece una forte integrazione tra misure monetarie e fiscali per guidare l’economia lungo uno stretto sentiero che eviti da un lato le spinte inflazionistiche e dall’altro i rischi di recessione e disoccupazione; che ridimensioni la ‘bolla’ della finanza; che crei gli spazi per un’adeguata ristrutturazione produttiva e per la transizione ecologica dell’economia”. [continua ]

Economia

L’economia globale frena. La Cina rallenta. Germania in recessione. L’eccezione degli Usa

Nel contesto di una generale frenata dell’economia globale, con Cina ed Eurozona a rappresentare gli anelli deboli, il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime del Pil italiano: +0,7 per cento nel 2023. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com