L’economia mondiale non sa più come crescere

Secondo l’Ocse, l'economia globale resta debole: il tasso di crescita si attesterà al 3,2% nel 2019 e al 3,4% nel 2020

L’economia globale non sa più come crescere

La crescita globale ha rallentato bruscamente verso la fine del 2018 e ora si sta stabilizzando. Ma resta “weak”, cioè bassa. Il Pil globale dunque continuerà a salire nei prossimi due anni ma sarà una dinamica debole.

Le vulnerabilità derivano dalle tensioni commerciali, dall’elevata incertezza delle politiche, dai rischi nei mercati finanziari e dal rallentamento della Cina. A certificarlo è l’Ocse, che prevede un tasso di crescita del 3,2% nel 2019 e del 3,4% nel 2020.

Secondo l'Economic Outlook, la crescita del nostro Paese ristagnerà nel 2019 e resterà "modesta", allo 0,6%, nel 2020. E le prospettive per i conti pubblici dell'Italia sono negative. Il rapporto deficit/Pil dovrebbe crescere ulteriormente, dal 2,4% del 2019 al 2,9% nel 2020, portando il debito pubblico al 135% del Pil nello stesso anno.

Fonte

Articoli correlati

Fmi: “Il mondo è in recessione, ma la ripresa in Cina è incoraggiante”

“Il coronavirus ha spinto il mondo in recessione. Il 2020 sarà peggio della crisi finanziaria”. Lo afferma l’Fmi in un intervento firmato da John Bluedorn, Gita Gopinath e Damiano Sandri. “La ripresa in Cina, anche se limitata, è incoraggiante – evidenzia il Fondo – e suggerisce che le misure di contenimento possono avere successo nel controllare l'epidemia e spianare la strada alla ripresa dell’attività economica”. [continua ]

Economia
Combattere la disuguaglianza per salvarci dalla pandemia

Combattere la disuguaglianza per salvarci dalla pandemia

Economia
Ocse: “Il Pil scenderà del 2% per ogni mese di lockdown”

Ocse: “Il Pil globale scenderà del 2% per ogni mese di lockdown”

Economia
Draghi: “Rischiamo la distruzione permanente della capacità produttiva”

Draghi: “L’alternativa all’aumento del debito è la distruzione permanente della capacità produttiva”

Economia
Ha ancora senso mantenere il target del 2% sull’inflazione?

quoted business

Ha ancora senso mantenere il target del 2% sull’inflazione?

Economia

quoted business

Candy delocalizza, ma al contrario: tornano in Italia 100.000 lavatrici

Un robusto aumento non temporaneo della produzione che fa riavvicinare Candy ai numeri del passato, prima della delocalizzazione in Cina. Il paradosso è che la decisione arriva proprio dalla Cina, visto che poco più di un anno fa il marchio di elettrodomestici è stato acquistato dal colosso cinese Haier. A partire da giugno 2020 l’azienda ha deciso di trasferire la produzione di 100 mila lavatrici da incasso dalla Cina allo stabilimento di Brugherio. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com