Grecia, Argentina, Ecuador: ecco le ultime vittime dell'Fmi…

Nel 2013, il Fondo monetario internazionale ha prodotto un rapporto in cui riconosceva di aver "sottovalutato" gli effetti che l'austerità avrebbe avuto sull'economia greca. Tuttavia, il Fondo ha in seguito continuato a commettere gli stessi errori

Grecia, Argentina, Ecuador: ecco le ultime vittime dell'Fmi…

Il Fondo monetario internazionale ha una lunga storia di errori politici. Prendiamo ad esempio il caso dell’Argentina.

A metà del 2018, l’Fmi ha erogato al paese sudamericano un prestito triennale di 57 miliardi di dollari - il più grande nella storia dell'istituzione con sede a Washington - in seguito a una serie di sconsiderate decisioni di politica economica adottate dal presidente Mauricio Macri.

In cambio di liquidità, l'Argentina ha accettato di attuare sostanziali tagli alla spesa pubblica. Ma l'economia è costantemente peggiorata. Oggi, l'inflazione supera il 55%, il tasso di povertà è superiore al 30%, l'occupazione si sta riducendo. Così, per il paese sudamericano, appaiono sempre più un miraggio gli obiettivi indicati dal Fondo su Pil e investimenti.

Eppure, pochi anni prima, era successo qualcosa che avrebbe dovuto impartire una lezione all’Fmi. La Grecia è infatti uscita dalla crisi più indebitata di prima. L’errore era stato così grossolano da costringere il Fondo ad ammettere di aver sottovalutato nel 2013 gli effetti dell'austerità sull'economia ellenica.

Sembrava un importante passo in avanti. Tuttavia, soltanto cinque anni dopo, la stessa logica è stata applicata all'Argentina. Ma non è finita qui.

A marzo 2019, l’Fmi ha concesso un prestito triennale di 4,2 miliardi di dollari all'Ecuador, nell'ambito di un piano per ridurre il debito pubblico e riformare l'economia. In cambio, il Fondo chiede un rapido risanamento di bilancio, attraverso tagli ai salari e ai posti di lavoro nel settore pubblico, aumenti dei prezzi dell'energia, e maggiori imposte indirette.

La stessa ricetta di sempre, una sorta di "austerità espansiva" che però non aiuterà il paese latino a risollevarsi.

Fonte

Articoli correlati

quoted business

Passera: “Il capitalismo deve correggersi: ha dimostrato gravi limiti”

“Se per capitalismo intendiamo libero mercato, rispetto della proprietà privata e regole è evidente che dobbiamo farlo evolvere perché il capitalismo è comunque l’unico sistema che nella storia si è dimostrato capace di creare ricchezza e benessere in maniera sostenibile. Ma ha dimostrato gravi limiti e non sta portando i risultati che potrebbe fornire: crescita insufficiente, eccessiva concentrazione di potere e disuguaglianze insostenibili”. [continua ]

Economia
Visco: “Il reddito procapite globale potrebbe scendere di ¼ entro il 2100”

quoted business

Visco: “Il reddito procapite mondiale potrebbe scendere di ¼ entro il 2100”

Economia

quoted business

La disuguaglianza cresce. E il mondo s’infiamma

“Cambiare le regole del gioco”. Aumentano coloro che pensano sia giunto il momento di fare qualcosa. Lo dice e lo ripete anche Papa Francesco. Alludono alle crescenti disuguaglianze a livello mondiale che sono all’origine delle attuali tensioni sociali. E che stanno causando guerre civili e conflitti in Medio Oriente e America Latina. Anche molti top statunitensi (di Amazon, JP Morgan, General Motors e altri colossi) hanno capito che la “dittatura degli azionisti” non funziona più. [continua ]

Economia
Cina, India, Usa: la nuova classifica del Pil globale

Cina, India, Usa: la nuova classifica del Pil globale

Economia
L’Fmi taglia le stime sul Pil globale: mai così basso dal 2008-09

L’Fmi taglia ancora le stime sulla crescita globale: mai così bassa dal 2008-09

Economia
Nobel per l’Economia a Banerjee, Duflo e Kremer

Nobel per l’Economia a Banerjee, Duflo e Kremer

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com