La profezia di James Rickards: “In arrivo una catastrofica crisi del debito globale”

“Gli attuali livelli di indebitamento globale semplicemente non sono sostenibili”, assicura l’esperto di finanza James Rickards. E avverte: “Una crisi catastrofica, peggiore di quella del 2008, è alle porte”

La profezia di Rickards: “In arrivo una crisi del debito globale”

“Il debito globale potrebbe essere sostenibile se fossero messi in atto investimenti infrastrutturali (strade, ponti, telecomunicazioni, istruzione, ecc.) e se l’economia mondiale crescesse più rapidamente del debito stesso. Ma nessuna di queste due condizioni è osservabile oggi”, rileva lo statunitense James Rickards nel libro “Currency Wars: The Making of the Next Crisis”.

Le economie sviluppate stanno accumulando debito più velocemente di quanto crescano, quindi il rapporto debito/Pil si sta spostando su livelli in cui un debito più elevato rallenta la crescita anziché sostenerla. Ecco perché – secondo Rickards – “una catastrofica crisi del debito globale, peggiore di quella del 2008, è sul punto di arrivare”.

Sebbene tassi d'interesse così bassi ‘facilitino’ la gestione di livelli di debito insostenibili, quantomeno nel breve termine, “con un debito tanto elevato, anche un lieve aumento dei tassi causerebbe un aumento vertiginoso dei livelli di debito e deficit”. È per questo che “il mondo è sull’orlo di una crisi che non si vede dagli anni ‘30. E non ci vorrà molto a scatenarla”, osserva l’esperto di finanza.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com