La povertà causata dal Covid potrebbe fare più morti del virus

Entro la fine del 2020, 12 mila persone al giorno potrebbero morire a causa della fame innescata dalla pandemia Covid-19

La povertà causata dal Covid potrebbe fare più morti del virus

Entro la fine del 2020, 12 mila persone al giorno potrebbero morire a causa della fame innescata dalla pandemia. Potenzialmente più di quanti ne stia uccidendo il virus, che sino ad oggi ha fatto registrare un tasso di mortalità media di circa 10 mila vittime al giorno nel mondo. È quanto denuncia Oxfam.

Quest’anno 121 milioni di persone in più potrebbero ritrovarsi senza nulla da mangiare per periodi prolungati, a causa dell'impatto della crisi economica e sociale legata al Covid-19.

Soprattutto in aree del mondo già devastate da guerre, disuguaglianze, cambiamenti climatici e dall'impatto di un sistema alimentare distorto che continua ad impoverire milioni di piccoli produttori e lavoratori agricoli.

“Entro la fine dell’anno a causa della pandemia oltre 270 milioni di persone, che già lottano per sopravvivere a guerre, disuguaglianze, cambiamenti climatici, potrebbero finire nella morsa della fame cronica, vale a dire un aumento dell’82%, rispetto all’anno scorso”, spiega Francesco Petrelli, policy advisor di Oxfam Italia.

“Allo stesso tempo – prosegue Petrelli - le 8 più grandi aziende dell’alimentare hanno provveduto a versare ai propri azionisti ben 18 miliardi di dollari, a partire da quando l’epidemia ha cominciato a diffondersi nel mondo nello scorso gennaio. Una cifra 10 volte superiore a quella che le Nazioni Unite stimano come necessaria per prevenire la nuova ondata di fame generata dal Covid-19”.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com