Gli Stati Uniti spingono l’Ue verso la deindustrializzazione?

Gli Stati Uniti spingono l’Ue verso la deindustrializzazione?

Una sfida esistenziale all’economia europea”. Così il Commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton, ha definito l’Inflation Reduction Act (IRA), la legge approvata ad agosto dall’amministrazione Biden per accelerare la transizione verde dell’industria statunitense. Dove risiederebbe la sfida? Nei 369 miliardi di dollari tra sussidi e agevolazioni fiscali

Un provvedimento che entrerà in vigore nel 2023, ma che sta già portando più di una azienda europea a spostare gli investimenti dal Vecchio Continente agli Usa. Grazie all’IRA, la costruzione di una nuova fabbrica di batterie elettriche negli States viene sussidiata con fino a 800 milioni di dollari. La stessa fabbrica in Europa riceverebbe “solo” 155 milioni di dollari. Anche nel settore dell’idrogeno le sovvenzioni americane sono ora cinque volte quelle europee. Uno spread che si aggiunge a quello dei costi dell’energia.

Attualmente, il gas naturale costa sei volte di più in Europa che negli Usa. A causa di questa asimmetria, l’aumento annuo dei prezzi alla produzione è molto più marcato per le aziende europee rispetto a quelle statunitensi: +42% vs +8,5%. Di conseguenza, nei primi dieci mesi dell’anno l’industria dell’Ue è stata costretta a razionare l’utilizzo di gas e quindi la produzione. Al contrario, nello stesso periodo, l’industria americana ha aumentato i suoi consumi di gas (+5%).

Proprio a causa degli alti prezzi energetici in Europa, secondo un sondaggio della Camera di Commercio tedesca, l’8% delle imprese localizzate nella prima economia comunitaria starebbe valutando di spostare parte della produzione fuori dai confini europei. Tra queste anche Basf, il gigante tedesco del settore chimico. Un’emorragia industriale che l’Ue vuole evitare a tutti i costi.

Una soluzione diplomatica con Washington sembra ora improbabile. Così come l’avvio di una disputa commerciale con gli Usa, proprio quando il fronte occidentale vuole mostrarsi compatto. A Bruxelles, si ragiona quindi sulla creazione di un fondo per incanalare soldi nelle principali industrie europee.

Una soluzione su cui spinge Parigi che però deve convincere Berlino, tradizionalmente avversa a politiche industriali incentrate sui sussidi. Nelle ultime ore sono però arrivate alcune aperture da Berlino: in una dichiarazione congiunta i ministri dell’Economia francese e tedesco hanno chiesto una risposta coordinata europea alle misure protezionistiche dei paesi terzi come l’IRA.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Le politiche realizzate negli Usa e in Europa mirano a stoppare tutta l’economia per fermare la crescita solo di alcuni prezzi

L’economista Mario Pianta: “La politica macroeconomica richiederebbe invece una forte integrazione tra misure monetarie e fiscali per guidare l’economia lungo uno stretto sentiero che eviti da un lato le spinte inflazionistiche e dall’altro i rischi di recessione e disoccupazione; che ridimensioni la ‘bolla’ della finanza; che crei gli spazi per un’adeguata ristrutturazione produttiva e per la transizione ecologica dell’economia”. [continua ]

Economia
Segnali contrastanti da Stati Uniti e Europa
quoted business

Segnali contrastanti da Stati Uniti e Europa

Economia
Per riscaldare l’Europa serviranno rubli, ma per sfamare il mondo ...

Per riscaldare l’Europa serviranno rubli, ma per sfamare il mondo continueranno a servire dollari

Economia
Gli Stati Uniti stavano esportando in Europa il triplo di Gazprom
quoted business

Prima dello stop deciso da Mosca, gli Stati Uniti stavano esportando in Europa il triplo di Gazprom

Energie & Risorse
Il 99 per cento della popolazione respira aria oltre i limiti

Il 99 per cento della popolazione mondiale respira aria oltre i limiti di qualità fissati dall’Oms

Economia

Il deficit commerciale degli Stati Uniti a livelli record: 1,2 trilioni di dollari nel 2022

Prendere di mira la Cina non risolverà il deficit commerciale degli Stati Uniti, che è cresciuto a dismisura a causa delle difficoltà macroeconomiche della stessa prima economia al mondo. Ora, con il de-risking, si rischia di aggravare il problema. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com