Autorizzata l’imprenditoria privata nella maggior parte dei settori. Obiettivo: aumentare l’occupazione

Rivoluzione a Cuba

Autorizzata l’imprenditoria privata nella maggior parte dei settori
Havana, Cuba

Il governo cubano ha autorizzato l’attività privata nella maggior parte dei settori, una riforma radicale in un Paese socialista dove lo Stato domina l’iniziativa economica. Il provvedimento, approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri, è stato annunciato da Granma, il quotidiano ufficiale del Partito comunista al governo.

L’attività privata, autorizzata nel 2010, aveva ricevuto un forte impulso nel 2014, durante la fase di disgelo con gli Usa approvata dall’allora presidente Barack Obama, ma era rimasta limitata a un elenco di 127 settori fissato dallo Stato ora eliminato. Tale lista sarà ora sostituita da un elenco che fisserà invece i settori riservati allo Stato, che saranno solo una minoranza “delle oltre 2.000 attività in cui è consentito l’esercizio del lavoro privato”, ha spiegato il ministero del Lavoro.

Attualmente, più di 600.000 cubani lavorano nel settore privato. Si tratta del 14,5% degli 11,2 milioni di abitanti dell’isola, principalmente nella gastronomia, nel trasporto (taxi) e nell’affitto di stanze ai turisti.

L’ostilità della successiva amministrazione Trump prima e la pandemia di coronavirus poi hanno però inferto un duro colpo all'industria turistica, spingendo il governo alla liberalizzazione.

Il ministro dell’Economia, Alejandro Gil, ha parlato su Twitter di “un passo importante per aumentare l’occupazione”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Minà: “Cuba non è un gulag tropicale. L’embargo va avanti da 60 anni. Ora basta”

Il giornalista: “Cuba è sopravvissuta sia al fallimento del socialismo reale, sia a quello del neoliberismo reale. Ma se Obama aveva teso una mano all’isola, Trump prima e Biden ora hanno usato e usano la loro politica destabilizzante per strangolare definitivamente questa piccola nazione. Oggi sta davanti agli occhi di tutti il metodo degli ultimi due presidenti: l’aggravamento del blocco economico e l’incitamento ai disordini tramite i social network”. [continua ]

Economia
L’isola, ancora sotto embargo Usa, scoppia. L’inflazione è al 500%

Cuba, ancora sotto embargo Usa, scoppia. L’inflazione è al 500%

Economia
Fine del castrismo
quoted business

Fine del castrismo a Cuba

Strategie & Regole

I cubani non avranno più il libretto di approvvigionamento

Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha annunciato nelle scorse settimane che, dopo l’attesa riforma monetaria, scomparirà il “libretto di approvvigionamento” (introdotto nel 1962) con il quale i cubani acquistano prodotti di base a prezzi sovvenzionati. A lungo rimandata la riforma monetaria consisterà nella scomparsa del peso convertibile creato nel 1994 e nella parità con il dollaro, che lascerà il peso cubano equivalente a 4 centesimi di dollaro, come unica moneta locale. [continua ]

Economia
Le piccole e medie imprese diventano legali
quoted business

A Cuba le piccole e medie imprese diventano legali

Corporate
Cuba lancia lo ‘smartphone di Stato’
quoted business

Cuba lancia lo ‘smartphone di Stato’

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com