Atto XI dei gilet gialli. Scontri a Parigi

Atto XI dei gilet gialli. Scontri a Parigi

Si consuma sabato 26 gennaio in Francia l’atto XI dei gilet gialli. E ancora prima dell'inizio della programmata “notte gialla” (ovvero l’avvio di forme di mobilitazione notturna), la place de la Republique a Parigi e, poi, place de la Bastille sono già teatro di violenti scontri. Secondo le rilevazioni ufficiali il movimento è, tuttavia, in ribasso: stimati in meno di 70mila in tutta la Francia.

Sono tornati a manifestare in migliaia anche nelle città di provincia, come Bordeaux, Tolosa, Marsiglia ed Evreux, in Normandia, dove è stata danneggiata la sede della Banca Centrale.

Durante gli incidenti a Parigi uno dei leader dei gilet gialli, Jerome Rodrigues, è rimasto ferito da un proiettile di gomma. Lo stesso Rodrigues ha pubblicato una sua foto su Facebook e ha scritto che perderà un occhio. Il fatto avviene proprio nel giorno in cui il viceministro dell'Interno, Laurent Nunez, annuncia che da sabato 26 diversi poliziotti armati con i contestati fucili a proiettili di gomma “flash-ball” saranno equipaggiati di videocamere per “contestualizzare il momento in cui il colpo viene sparato”.

Ma la notizia non sono tanto i fatti collegati a quanto accaduto sabato con l’XI atto quanto piuttosto avvenuto nei giorni scorsi, quando i gilet gialli hanno reso pubblico che si candideranno alle elezioni politiche di maggio 2019 con una lista che si chiamerà Ralliement d’initiative citoyenne (unione d’iniziativa cittadina) e sarà guidata da Ingrid Levavasseur, infermiera di 31 anni, già tra i leader del movimento. Non è chiaro al momento se questo progetto sia in qualche modo collegato a quello annunciato in precedenza da un’altra leader dei gilet gialli, Jacline Mouraud.

Fonte

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com