La recessione negli Usa potrebbe giungere nel 2020, l'anno della rielezione di Trump

È anche l'anno delle elezioni presidenziali. La riduzione degli effetti indotti dallo stimolo fiscale, i crescenti tassi di interesse e un fisiologico calo della domanda mondiale potrebbero rendere l’economia più vulnerabile

La recessione potrebbe tornare nel 2020

Gli Stati Uniti potrebbero cadere in una nuova recessione nel 2020. Ma questo è anche l'anno che vedrà Donald Trump tentare di ottenere il secondo mandato come presidente degli Usa.

Due anni espansivi

Nella fase attuale, tuttavia, i forti sgravi fiscali concessi grazie alla riforma di Trump, l’aumento della spesa pubblica e una robusta crescita globale dovrebbero aiutare l’economia statunitense a scongiurare rischi recessivi per i prossimi due anni, nonostante il crollo della borsa della settimana scorsa. Ciò consentirebbe, tra l’altro, di proseguire su un sentiero espansivo intrapreso nel 2009 facendolo diventare il più lungo di sempre negli Stati Uniti.

…ma il Pil scenderà nel prossimo triennio

Ma non è tutto oro ciò che luccica. Il punto è che le stime sulla crescita dovrebbero rallentare significativamente nei prossimi tre anni: dal 2,9% di quest’anno al 2,5% del 2019 fino all’1,5% del 2020, che sarebbe il più lento dal 2012.

Nuovi rischi recessivi nel 2020

Il problema potrebbe, dunque, sorgere nel 2020 proprio quando i cittadini statunitensi saranno chiamati alle urne. La riduzione degli effetti indotti dallo stimolo fiscale, i crescenti tassi di interesse e un fisiologico calo (dopo una lunga crescita) della domanda mondiale potrebbero rendere l’economia più vulnerabile a una contrazione, giusto in tempo per la campagna presidenziale.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com