Russia, un nano che può scatenare l’inferno sull’economia europea

Un nano che può scatenare l’inferno sull’economia europea

La Federazione russa si dimostra ancora una volta capace di tenere in scacco l’Occidente e mostra i muscoli attaccando (su vasta scala) un paese europeo come l’Ucraina. La Russia – che può contare sul fatto di essere il paese più esteso al mondo e strategico dal punto di vista militare e geopolitico - è dotata di importanti risorse, specialmente in campo energetico.

Eppure è un nano: ha il pil procapite della Bulgaria e l’economia si basa principalmente sull’export di materie prime come i paesi più arretrati. Ma il fatto che economicamente sia piuttosto modesta, non si traduce necessariamente in una condizione di estrema debolezza, anche perché il rapporto debito/Pil è inferiore al 20% e il debito pubblico è detenuto perlopiù da fonti domestiche.

Putin, infatti, ha avviato da tempo una sorta di de-dollarizzazione dell’economia e al contempo spinto sulla cooperazione con la Cina. Nel frattempo Mosca vede schizzare alle stelle i suoi profitti ‘energetici’. Da quando le minacce verso Kiev sono aumentate la Russia ha cominciato ad erogare meno gas all’Europa (in parte compensato con un incremento dell’export verso la Cina) e i prezzi sono sensibilmente saliti, così come a lievitare sono stati gli utili di Gazprom.

Allo stesso tempo la Russia, che appare quasi immune alle sanzioni (che anzi potrebbero trasformarsi in un boomerang), imposte da Ue, Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Giappone e Canada, è in grado di scatenare l’inferno sull’economia europea, già schiacciata prima dal Covid e dal blocco delle catene di approvvigionamento poi dall’inflazione, semplicemente regolando un rubinetto.

Se i prezzi di gas e petrolio dovessero, come è altamente plausibile, mantenersi su quotazioni molto elevate (i prezzi dell’oro blu all’apertura delle contrattazioni a causa dell’avvio dell’invasione russa in Ucraina sono saliti di oltre il 30%), ben superiori a quelle già alte registrate nelle settimane scorse, allora le conseguenze economiche sul Vecchio continente potrebbero essere pesantissime, fino a spingerlo in stagflazione, quel mix letale per l’economia fatto di alta inflazione e bassa crescita.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il Pil è sceso del 2,1% nel 2022. Molto meno di quanto previsto

Russia, il Pil è sceso del 2,1% nel 2022. Molto meno di quanto previsto anche da Europa e Usa

Economia

Le politiche realizzate negli Usa e in Europa mirano a stoppare tutta l’economia per fermare la crescita solo di alcuni prezzi

L’economista Mario Pianta: “La politica macroeconomica richiederebbe invece una forte integrazione tra misure monetarie e fiscali per guidare l’economia lungo uno stretto sentiero che eviti da un lato le spinte inflazionistiche e dall’altro i rischi di recessione e disoccupazione; che ridimensioni la ‘bolla’ della finanza; che crei gli spazi per un’adeguata ristrutturazione produttiva e per la transizione ecologica dell’economia”. [continua ]

Economia

Il potere di Mosca va ben oltre il gas. E ora la Russia può contare su un alleato chiave per l'economia globale

L’Opec+ ha deciso un maxi taglio alla produzione di petrolio. L’accordo tra Riad e Mosca spiazza Europa e Usa. E il mondo riscopre la propria vulnerabilità rispetto alla sua peggiore dipendenza: il petrolio. [continua ]

Energie & Risorse

Se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, solo con l’embargo del gas può riuscirci

Se l’Europa è disposta a sostituire il gas russo con maggiore import di gas naturale liquefatto, ben più costoso, potrebbe minare gravemente la capacità della Russia di guadagnare valuta forte attraverso le esportazioni di gas con le quali Vladimir Putin finanzia anche la guerra in Ucraina. Ma questa scelta comporterebbe costi elevati e duraturi anche per l’Europa. [continua ]

Energie & Risorse
Borrell: “Non barattiamo i diritti umani per il gas”
quoted business

Borrell: “Non barattiamo i diritti umani per il gas”. Poi riconosce: “I prezzi dell’energia saliranno”

Strategie & Regole
Gas e immigrati. L’Italia può davvero diventare un hub energetico per l’Ue?

Gas e immigrati. L’Italia può davvero diventare un hub energetico per l’Europa?

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com