Dallo scandalo svizzero UBS ai Malta Files, le ultime rivelazioni mettono in luce una rete globale

I fatti dallo scandalo svizzero UBS ai Paradise Papers
Alcune delle "celebrities" coinvolte nei "Paradise Papers"

Dal 2008 al 2017 ne sono accaduti di scandali. Da quello svizzero targato UBS ai Malta Files, le ultime rivelazioni sui "Paradise Papers" mettono in luce una rete internazionale che si estende dall'Europa alla Cina, passando per gli Stati Uniti e i Caraibi. Un mix di paradisi fiscali, evasione e riciclaggio di denaro.

Ecco in ordine temporale i fatti accaduti dal 2008 al 2017:

2008 - scandalo UBS

2013 - Offshore Leaks

2014 (gennaio): China Leaks

2014 (novembre): Luxembourg Leaks

2015 - Swiss Leaks (elenchi HSBC)

2016 (aprile): Panama Papers

2016 (settembre) - 2017 (febbraio): Bahamas Leak e Money Island

2017 (maggio): Malta Files

2017 (ottobre): Paradise Papers

La voce di quoted

Sono oltre 13 milioni i documenti dello scandalo Paradise Papers, sottratti a due società e pubblicati dalla testata tedesca Süddeutsche Zeitung, che li ha poi condivisi con l’International Consortium of Investigative Journalists (Icij). I file descrivono le attività off-shore di soggetti note come la regina Elisabetta II e Bono Vox. Emergono nuove persone coinvolte, ma la storia è sempre la stessa: le società off-shore hanno sede legale in paesi diversi da quelli in cui le aziende operano, di norma scelti sia per la riservatezza sia per i vantaggi fiscali che offrono, oltreché per gli scarsi controlli e i pochi adempimenti contabili.
Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

La voce di quoted

Sono oltre 13 milioni i documenti dello scandalo Paradise Papers, sottratti a due società e pubblicati dalla testata tedesca Süddeutsche Zeitung, che li ha poi condivisi con l’International Consortium of Investigative Journalists (Icij). I file descrivono le attività off-shore di soggetti note come la regina Elisabetta II e Bono Vox. Emergono nuove persone coinvolte, ma la storia è sempre la stessa: le società off-shore hanno sede legale in paesi diversi da quelli in cui le aziende operano, di norma scelti sia per la riservatezza sia per i vantaggi fiscali che offrono, oltreché per gli scarsi controlli e i pochi adempimenti contabili.
www.quotedbusiness.com